Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Il treno porta 116 minuti di ritardoL'odissea degli pendolari Roma-Cassino

Treno regionale della tratta Roma-Cassino

0

Sorpreso a masturbarsi sul treno: denunciato alla Polfer. Non è il primo caso

Cassino

Aveva sentito ansimare e, una volta alzato lo sguardo, lo becca mentre si masturba.

E' lo scioccante racconto di una ragazza che, nel tardo pomeriggio di martedì, è stata vittima di molestie sessuali. E' proprio lei a raccontare l'accaduto sulla pagina Facebook del gruppo "Pendolari Roma-Cassino express", soprattutto per mettere in guardia dal rischio che si corre nel viaggiare sulla tratta ferroviaria ciociara una volta che i vagoni si svuotano. La ragazza viaggiava sul treno partito da Roma Termini alle 19.42.

"Il piano sottostante della carrozza 3 si svuota alla stazione di Castro dei Volsci - scrive la donna - Poco dopo si siede accanto a me sulla coppia di sedili dall’altro lato del corridoio un ragazzo di colore. Assorta nei miei pensieri, alzo lo sguardo quando lo sento ansimare. Si stava masturbando!".

Una situazione che ha spaventato e colto di sorpresa la ragazza che è scappata via cercando aiuto. Aiuto trovato in un signore seduto sul piano rialzato della stessa carrozza che ha avvicinato il ragazzo di colore, poi sceso alla stazione di Isoletta. La ragazza una volta arrivata a Cassino ha segnalato l'accaduto al capotreno e nel pomeriggio di ieri ha denunciato tutto alla Polfer.

"Le telecamere ci sono. Non so se dalle riprese si riesce a identificare il ragazzo", la speranza della pendolare che invita a tutte coloro che si sono trovate in una situazione simile a denunciare: "Questi episodi potrebbero essere il preludio di violenze più gravi".

Quella della ragazza sembrerebbe trattarsi dell'ennesima denuncia di molestie sessuali sui treni regionali della tratta Roma Cassino.

Infatti molti sono i casi di uomini beccati e denunciati a commettere atti osceni in treno. Non un masturbatore seriale ma più "sporcaccioni". La vicenda, infatti, non è nuova alle donne che viaggiano sulla tratta. “La scorsa settimana - racconta Monia - una mia amica ha preso il treno delle 20.42 per Cassino e stesso episodio, però il tizio era italiano, è sceso a Colleferro. E’ stato denunciato l'episodio alla Polfer”. "Il treno delle 19.42 che arriva a Cassino è spettrale. Ci gira gente poco raccomandabile, mai rimanere nella carrozza sole”, il commento di Monica. 

Da più parti arriva il consiglio di non restare da soli nei vagoni, cercare sempre compagnia perché le disavventure sono all'ordine del giorno. Fatti che avvengono sono solo sul tardi, ma anche nel primo pomeriggio come il caso del signore, soprannominato “mano morta”, che tutti i giorni e si faceva tutto il treno per scovare la vittima del giorno. Per poi compiere "liberamente" atti osceni coperto solo da un cappotto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400