Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Omicidio di Samanta Fava: confermata in Appello la pena di 25 anni a Cianfarani

Un'immagine del ritrovamento di Samanta Fava

0

Omicidio di Samanta Fava: concessi gli arresti domiciliari a Cianfarani

Sora

Poco meno di tre anni di carcere e Tonino Cianfarani torna a casa: da venerdì scorso, infatti, è agli arresti domiciliari. La misura è stata adottata dalla Corte di Appello di Roma per quelli che il suo avvocato, Ezio Tatangelo, ha definito seri motivi di salute. Cianfarani era detenuto in carcere per l’omicidio di Samanta Fava, la donna di Sora scomparsa nell’aprile del 2012 da Sora e ritrovata nel giugno 2013 murata nella cantina di una casa, risultata essere di proprietà del muratore. In primo e secondo grado Cianfarani è stato condannato a 25 anni di reclusione. La decisione di concedergli gli arresti domiciliari ha, ovviamente, lasciato sconvolti i familiari di Samanta Fava che, solo qualche giorno fa, avevano partecipato alla celebrazione in ricordo delle vittime di violenza, nella chiesa di Santo Spirito a Sora. Il figlio della donna aveva, in quella occasione, liberato in aria palloncini bianchi da una delle sedie collocate in piazza, che aveva il nome di Samanta.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400