Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Viadotto Biondi, l'ora della verità: oggi l'aggiudicazione della gara

Il ponte bailey individuato dal Comune come soluzione provvisoria

0

Ponte Bailey e nuovo stadio, Galassi non fa sconti al sindaco

Frosinone

Ponte Bailey e nuovo stadio: il Pd cittadino torna all’attacco. Ad intervenire è il consigliere comunale dem Antonio Galassi che non lesina critiche al sindaco Nicola Ottaviani per le scelte fatte.

Sulla struttura di tipo militare, individuata dall’amministrazione come soluzione provvisoria per ripristinare la viabilità sul viadotto Biondi, chiuso ormai da tre anni, dice: "Insistere su questa strada mi sembra un grandissimo errore, soprattutto ora che la Regione Lazio aggiudicherà la gara e alla luce del fatto che quella esperita dal Comune potrebbe essere annullata per le difficoltà incontrate dalla imprese nella presentazione della documentazione. Il primo cittadino ha sbagliato sin dall’inizio, perché avrebbe dovuto aprire un confronto costruttivo con il presidente Zingaretti, piuttosto che assumere quell’atteggiamento ostile. Sono convinto che attraverso il confronto non saremmo arrivati a questo punto". 

Galassi ribadisce quindi la sua contrarietà sul modo scelto per reperire la copertura finanziaria per completare la struttura al Casaleno. "Quei soldi - spiega - potevano essere impiegati per il recupero delle sponde del fiume Cosa, un progetto al quale Ottaviani e i suoi assessori hanno sempre detto di tenere molto. Anche in questo caso si poteva e si doveva cercare il sostegno della Regione Lazio, che ha sempre dimostrato grande attenzione verso le tematiche ambientali".

E sul grande parco del Matusa, che sorgerà al posto dello stadio comunale, conclude: «Fermo restano che l’idea non può che essere promossa, chiedo a Ottaviani di fare chiarezza sulle cubature previste nelle aree che rimarranno libere. Perché ci sono delibere già approvate e accordi presi con i proponenti che contemplano nuove costruzioni. Le cose stanno davvero così? Oppure ci sono stati ripensamenti? Sarebbe il caso che venisse in Consiglio a spiegarci come stanno le cose. Credo che sia un diritto dell’opposizione, sebbene lui non faccia altro che ignorarla. Concludo dicendo che se ci avesse coinvolto un po’ di più forse tante critiche non gli sarebbero arrivate».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400