Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Truffa con gli immigrati cinesi. Verso il processo anche due dipendenti comunali

L’indagine denomina Easy Center è stata condotta dalla Guardia di Finanza e dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma

0

Truffa con gli immigrati cinesi. Verso il processo anche due dipendenti comunali

Veroli

Permessi di soggiorno falsi a cittadini cinesi, ieri l’udienza preliminare. Rito abbreviato per i due coniugi cinesi, all’epoca dei fatti residenti a Veroli, e annuncio orale di rinvio a giudizio per gli altri quattro, due dipendenti del Comune di Veroli, un dottore commercialista e un dipendente della Prefettura di Frosinone ora non più in servizio, ormai verso il processo.

Si avvia dunque verso il processo l’indagine denomina Easy Center, condotta dalla Guardia di Finanza e dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma. Alla coppia di cinesi, difesa dall’avvocato Eduardo Rotondi del foro di Cassino,vengono mosse le accuse di immigrazione clandestina con varie aggravanti, fra cui quella della transnazionalità. I quattro funzionari pubblici, invece, erano stati indagati anche per altri reati. In particolari ai due dipendenti del Comune di Veroli venivano contestati l’abuso d’ufficio e la falsità in atto pubblico: avrebbero rilasciato attestazioni di residenza fittizie.

Ieri sono comparsi tutti davanti al giudice dell’udienza preliminare del tribunale di Roma, competente in quanto dell’indagine si stava occupando la Dda. Per la coppia cinese l’avvocato Rotondi ha chiesto il processo con rito abbreviato, condizionato alla trascrizione delle telefonate che i coniugi facevano all’estero, parlando uno dei tantissimi dialetti cinesi. Quindi ha anche presentato un’eccezione su un’aggravante. Per gli altri quattro, invece, (i tre dipendenti pubblici e il commercialista) si va verso il processo. Il rinvio a giudizio, anticipato verbalmente ieri in aula, verrà comunicato formalmente il prossimo 20 aprile.

L’indagine Easy Center era partita nel 2011 e dopo circa un anno era giunta al culmine con l’arresto della coppia cinese residente a Veroli, nel giugno del 2012. Il primo filone dell’inchiesta in cui erano finiti anche i due dipendenti municipali, il commercialista e l’ormai ex dipendente della Prefettura, aveva preso in esame oltre 250 posizioni di cinesi immigrati in provincia di Frosinone e aveva permesso di accertare come i coniugi, all’epoca 40enni, avevano costituito una vera e propria “agenzia” per l’immigrazione clandestina, garantendo in modo costante i flussi migratori illegali. Il meccanismo illecito consisteva nel produrre false richieste nominative di lavoro subordinato a nome di alcuni cittadini italiani i quali, tuttavia, in molti casi erano completamente all’oscuro di tale loro istanza. Nell’ottobre del 2014 era arrivata la notifica di avviso di conclusione delle indagini a cui era seguita la decisione da parte del Comune di trasferire i due dipendenti ad altro incarico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400