Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Il Comune frena sui fondi per il Popolla: o lo stadio o il palasport

La seduta della commissione ai lavori pubblici di ieri mattina a Palazzo Antonelli

0

Il Comune frena sui fondi per il Popolla: o lo stadio o il palasport

Ceccano

Si è riunita ieri mattina la Commissione consiliare ai Lavori pubblici per discutere della manutenzione dello stadio “Dante Popolla”, al centro di grandi aspettative da parte dei tifosi rossoblu dopo l’annuncio dell’imminente avvio dei lavori di messa in sicurezza. Con il presidente Colombo Liburdi, vi hanno partecipato i consiglieri comunali Angelo Macciomei, Giuseppe Malizia e Giulio Conti (unico assente Antonio Aversa), oltre al dirigente del III Settore Carlo Del Brocco.

Quest’ultimo ha fin da subito sottolineato il fatto che le risorse per gli urgenti lavori di messa in sicurezza del “Popolla” (7.886 euro) sono state prese da fondi residuali di bilancio, e che l’impegno di spesa per il rifacimento del manto erboso, per la ristrutturazione dei locali interni (ivi inclusi i servizi sanitari, sostituiti per il momento da bagni chimici), per la sistemazione dell’impianto d’illuminazione e per tutti gli altri interventi necessari supererebbe l’esorbitante cifra di centomila euro.

Solo qualche giorno fa il sindaco Roberto Caligiore e il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Massimo Ruspandini avevano confermato quanto l’attuale amministrazione comunale fosse propensa, in prospettiva, «alla realizzazione di altri interventi, grandi e piccoli, come parte di un vero e proprio piano di miglioramento dello stadio», ma non può aver senso una pianificazione senza copertura economica. A tal riguardo, il consigliere Giuseppe Malizia ha fatto notare che a breve bisognerà decidere se destinare le risorse finanziarie disponibili ai lavori di ristrutturazione del palazzetto dello sport di Passo del Cardinale o a quelli per lo stadio Popolla, visto che «il Comune potrà sobbarcarsi un solo mutuo». Insomma, un po’ come dover scegliere se si vuole più bene alla propria madre o al proprio padre.

Durante la seduta si è acceso il confronto soprattutto tra i consiglieri Macciomei e Conti riguardo al modus operandi della Commissione Sport, che per il rappresentante del gruppo di minoranza non avrebbe coinvolto adeguatamente e tempestivamente la Commissione Lavori pubblici nei compiti d’indirizzo e programmazione. Infine, si è deciso di procedere a un sopralluogo allo stadio affinché tutti i componenti dell’organismo consiliare avessero ben chiaro l’effettivo stato della struttura di via San Francesco e si è rinviato al prossimo incontro ogni eventuale sviluppo della vicenda. Nubi sul “Popolla”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400