Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Torna l'acqua nei diciotto alloggi popolari di Chiusa Grande

Uno dei palazzi popolari di via Chiusa Grande (foto d'archivio)

0

Torna l'acqua nei diciotto alloggi popolari di Chiusa Grande

Ceprano

Riattivato il flusso idrico minimo in diciotto alloggi delle case popolari bianche di Chiusa Grande dopo il distacco della fornitura per morosità di metà degli inquilini. Ottemperando all'ordinanza del sindaco Marco Galli, l'Acea Ato 5 ha proceduto ad installare nuovamente il contatore (unico per tutti gli appartamenti) staccato il 28 gennaio scorso alla Scala A dell’edificio. Le diciotto famiglie avranno ora assicurato l'approvvigionamento minimo per i servizi primari. Sono perciò salvi i diritti dei bambini, degli anziani e dei disabili che abitano nel condominio, i cui inquilini si sono ritrovati con i rubinetti all'asciutto, anche quelli che regolarmente pagavano le bollette dell’acqua. Soddisfatto il sindaco Marco Galli che ha seguito personalmente il caso. «Purtroppo - ha commentato - questa situazione riguarda anche altri condomini della città e, non essendoci la possibilità o volontà di agire legalmente sulle singole posizioni, la possibilità che si verifichino altri distacchi è concreta». Ora i condomini e l’Acea avranno un mese di tempo per trovare una soluzione.

(Servizio sull'edizione del 18 febbraio)

Didascalia:

Ceprano

Torna l'acqua nei diciotto alloggi popolari di Chiusa Grande

Riattivato il flusso idrico minimo in diciotto alloggi delle case popolari bianche di Chiusa Grande dopo il distacco della fornitura per morosità di metà degli inquilini. Ottemperando all'ordinanza del sindaco Marco Galli, l'Acea Ato 5 ha proceduto ad installare nuovamente il contatore (unico per tutti gli appartamenti) staccato il 28 gennaio scorso alla Scala A dell’edificio. Le diciotto famiglie avranno ora assicurato l'approvvigionamento minimo per i servizi primari. Sono perciò salvi i diritti dei bambini, degli anziani e dei disabili che abitano nel condominio, i cui inquilini si sono ritrovati con i rubinetti all'asciutto, anche quelli che regolarmente pagavano le bollette dell’acqua. Soddisfatto il sindaco Marco Galli che ha seguito personalmente il caso. «Purtroppo - ha commentato - questa situazione riguarda anche altri condomini della città e, non essendoci la possibilità o volontà di agire legalmente sulle singole posizioni, la possibilità che si verifichino altri distacchi è concreta». Ora i condomini e l’Acea avranno un mese di tempo per trovare una soluzione.

(Servizio sull'edizione del 18 febbraio)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400