Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Emergenza cinghiali: a segno i primi colpi dei cacciatori

Un gruppo di cacciatori impegnato in una battuta al cinghiale (foto d’archivio)

0

Emergenza cinghiali: a segno i primi colpi dei cacciatori

Ceprano

Abbattuti tre animali nel corso della seconda caccia speciale effettuata ieri mattina nella periferia cepranese per contrastare l’emergenza cinghiali. La battuta organizzata dalla Polizia provinciale, responsabile della sicurezza e del controllo, in collaborazione con i cacciatori, è stata effettuata ieri mattina nelle zone di via Cavoni e Fontana Cialeo, aree non distanti dal fiume dove c'erano state segnalazioni di avvistamenti oltre che diversi incidenti stradali dovuti ai cinghiali. Ieri, in tarda mattinata, la notizia dell'abbattimento di tre esemplari, due oltre il quintale, uno leggermente al di sotto.

Dunque è stato fruttuoso il secondo tentativo, dopo la prima battuta andata a vuoto nelle zone al di sotto di via Campidoglio e Vignola, dove c'erano state pure segnalazioni che però non hanno avuto riscontro a seguito dei controlli. Soddisfatto il consigliere Floriano Bertoni: «Ero fiducioso. Sapevo che, seppure non alla prima battuta, si sarebbero ottenuti dei risultati. Ringrazio il comandante della Polizia provinciale Massimo Belli e i suoi uomini, oltre al presidente dell’Atc Fr2 Sandro Filippi. La sinergia con il Comune sta funzionando. Il nostro primo obiettivo è eliminare i pericoli e garantire l'incolumità dei cittadini. Proseguiremo con le azioni programmate, sempre in sicurezza e con il coinvolgimento di esperti del settore».

I tre cinghiali sono stati abbattuti in una di quelle aree da cui giungevano ripetute segnalazioni; gli animali si erano stanziati non lontano dal fiume e da lì si spostavano sulla provinciale Ceprano-Scalo, via dei Quarti e zona Asi, dove fra l'altro sono stati registrati incidenti, fortunatamente non gravi, ma con danni ai mezzi. Le squadre addette alle battute straordinarie di caccia proseguono nella pianificazione effettuata per il periodo di quaranta giorni in cui vige l'ordinanza del sindaco che prevede la cattura o l'abbattimento dei cinghiali per motivi di sicurezza. Si attende ora la prossima battuta con la speranza che il riscontro sia positivo e che almeno si riescano ad allontanare i cinghiali troppo vicini agli insediamenti urbani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400