Trema ancora la terra nel basso Cassinate. Dopo le due scosse di ieri, alle 14.02 e alle 14.36, rispettivamente di magnitudo 2.0 e 2.4 (Venafro, San Vittore del Lazio e San Pietro Infine i comuni più vicini all'epicentro), alle 2.59 della notte appena trascorsa ne è stata registrata una terza, fortunatamente molto più lieve, di magnitudo pari a 1.4. 

La scossa è stata registrata dai sismografi dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ed è stata classificata come "strumentale", cioè rilevata dalle strumentazioni ma non dalle persone. Niente danni a persone o cose, ieri come oggi, sono stati segnalati. 

I Comuni più vicini all'epicentro sono stati, stavolta, San Vittore del Lazio (a 1 km), San Pietro Infine, Cervaro, Rocca d'Evandro, Viticuso, Sant'Ambrogio sul Garigliano, Cassino, Venafro e Acquafondata. 

Un piccolo sciame sismico, quindi, visto che le tre scosse si sono susseguite in 12 ore, che tuttavia, almeno al momento, non sembra preoccupare gli esperti rientrando nella normalità della casistica di questo genere di eventi.