Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Mansarda abusiva Sigilli al centro storico

Il comando dei vigili di Veroli

0

Multe salate anche ai morti: agenzie funebri nel mirino

Veroli

Manifesti funebri abusivi, multate quattro agenzie. Nel mirino della Polizia municipali numerosi manifesti mortuari attaccati in aree non autorizzate. Per ogni manifesto gli agenti hanno staccato un verbale da 400 euro. Guerra dichiarata alle affissioni abusive. Nel mirino degli agenti della Municipale sono finiti i volantini di quattro agenzie funebri: due di Boville Ernica e due di Monte San Giovanni Campano. I manifesti sono stati incollati tra Ripiano, Case Campoli e Casamari, tutte aree di confine e possibile residenza di eventuali parenti del defunto.

È chiaro che in materia di affissioni, anche i manifesti funebri devono rispettare le regole. Così dove sono stati individuati, gli agenti della municipale hanno provveduto ad oscurarli con la scritta “Affissione abusiva”. A rispondere saranno ora alcune delle imprese funebri più note dei Comuni limitrofi. Sono state riscontrate in tutto almeno 11 infrazioni.

Le contravvenzioni

In altre parole, si tratta di multe da 412 euro ciascuna uguali a quelle comminate per volantini e manifesti non autorizzati. In totale, oltre 4 mila euro di contravvenzioni emesse ai danni di imprese e visti i tempi non è certo poco. La violazione per “affissione abusiva” si riferisce all’apposizione di manifesti funebri fuori dai siti autorizzati. Su quelli individuati è presente il nome dell’agenzia, in caso contrario avrebbero dovuto pagare i congiunti del caro defunto, come previsto per legge. Una prima sventagliata di verbali c’era già stata qualche giorno fa ai danni di imprese locali. Gli agenti della Municipale di Veroli avevano fatto piangere diverse aziende che, a quanto pare, avrebbero imparato a proprie spese la lezione.

Evidentemente chi è venuto da fuori sperava di fare i propri comodi, non sapeva invece di dover fare i conti con il comandante De Sanctis. E dire che di spazi adeguati per le affissioni a Veroli ce ne sono e in abbondanza, evidentemente il richiamo con minaccia di sanzione non era stato sufficiente a mettere in guardia i titolari dei manifesti che ora dovranno versare una bella cifra nelle casse dell’erario comunale. Dunque, ora i responsabili delle imprese funebri sono avvisati. L’occhio vigile è sempre presente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400