Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Frode fiscale da 4 milioni di euro con auto d'importazione: due denunce
0

Frode fiscale da 4 milioni di euro con auto d'importazione: due denunce

Sora

Commercializzavano autovetture provenienti da altri paesi dell’Unione Europea senza presentare le dichiarazioni dei redditi dal 2010 al 2015: denunciati due imprenditori di Sora. È quanto accertato dalla Guardia di Finanza di Sora dopo una verifica fiscale nei confronti di un’azienda di Sora, operante nel settore della commercializzazione di autovetture nuove ed usate, che ha nascosto al fisco una base imponibile di oltre 3 milioni di euro ed evaso l’Iva per oltre un milione di euro. Le ispezioni hanno preso il via a seguito di incongruenze emerse dal raffronto delle risultanze delle banche dati fiscali delle Fiamme gialle, che hanno permesso di rilevare come l’azienda sorana, nonostante i numerosi acquisti di autovetture da paesi aderenti all’Unione Europea, aveva omesso di presentare le dichiarazioni annuali ai fini dei vari tributi e di versare le imposte. Il successivo esame della documentazione acquisita presso la sede aziendale e le indagini finanziarie sui conti correnti dei due imprenditori hanno consentito alle Fiamme Gialle della Tenenza di Sora di scoprire il modus operandi utilizzato dagli imprenditori per frodare il fisco. È stato scoperto, infatti, che i titolari dell’autosalone oltre a omettere la presentazione delle dichiarazioni fiscali, acquistavano autoveicoli di importazione e, con il fine di evitare il versamento dell’Iva, simulavano la vendita degli autoveicoli a clienti ubicati in altri Stati mediante l’emissione di fatture relative ad operazioni inesistenti. In realtà, le autovetture venivano vendute a clienti residenti in Italia a prezzi più bassi rispetto a quelli di mercato, realizzando nel contempo una concorrenza sleale nei confronti di altre imprese operanti nel medesimo settore economico. La Finanza ha individuato numerose fatture relative ad operazioni inesistenti emesse dall’impresa verificata, per un importo complessivo di circa 400.000 euro. Al termine delle operazioni i due titolari dell’autosalone, un quarantaduenne e una trentacinquenne di Sora, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Cassino per omessa presentazione delle dichiarazioni annuali ai fini dei vari tributi e di emissione di fatture relative ad operazioni inesistenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400