Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Un sistema di video-diagnostica per curare  bambini affetti da tumore cerebrale

Il reparto di Pediatria del Gemelli

0

Un sistema di video-diagnostica per curare bambini affetti da tumore cerebrale

Provincia

In mezzo a tante criticità, finalmente, anche una buona notizia per la sanità in provincia di Frosinone.

 È stata presentata ieri a Roma, infatti, grazie alla collaborazione tra l’associazione “Trenta Ore per la Vita” e la Fondazione Policlinico Gemelli, la rete di video-diagnostica in alta definizione, per curare efficacemente, a distanza, i bambini affetti da tumori cerebrali e limitare gli spostamenti dei pazienti e le loro famiglie.

Ad annunciarlo è il consigliere comunale e provinciale di FI Danilo Magliocchetti. Aggiunge: "Si tratta di un progetto importantissimo che vede coinvolta, tra le altre del centro sud, anche la Asl di Frosinone. Nella sostanza, si tratta di una sala di tecno-consulto, dotata di tecnologie a supporto della rete assistenziale di video diagnostica, dedicata ai bambini con tumori cerebrali.

Grazie alla nuova struttura gli specialisti del Gemelli potranno dialogare in rete, h24, con i colleghi di quattro Aziende ospedaliere che partecipano al progetto, quali Caltanissetta, Crotone, Oristano e l’ospedale Santa Scolastica di Cassino appunto, per la Asl di Frosinone, condividendo esperienze e professionalità e garantendo un efficace e appropriato percorso, in primo luogo di diagnosi e successivamente di cura per i bambini affetti da questa drammatica patologia.

Vi è da dire che in provincia di Frosinone questi casi sono, fortunatamente, molto rari, ma la possibilità di condividere questa opportunità, con una struttura importante e altamente qualificata come il Policlinico Gemelli, costituisce senz’altro un valore aggiunto per la sanità locale, in questo momento di insufficiente risposta sanitaria e testimonia anche l’elevato livello di professionalità del personale medico ed infermieristico del territorio.

Trasmettere attraverso reti super veloci informazioni e immagini permette di essere subito in raccordo con i primi centri in cui viene effettuata la diagnosi, attraverso l’attività di refertazione a distanza, da parte dei neuroradiologi del Policlinico Gemelli di Roma, fino alle prime terapie e, se necessario, all’intervento. È chiaro però che, oltre a questa importante previsione per Cassino, è indispensabile puntare con sempre maggiore convinzione sul polo oncologico di Sora, creando finalmente le premesse, oggi ancora solo potenziali, con ulteriori dotazioni strumentali, umane e professionali, per far sì che la sanità in provincia di Frosinone possa finalmente offrire delle eccellenze e delle alte specializzazioni, al pari di Roma".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400