Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









"Basta tette, mostrate il cervello". Al campus Folcara si esibisce la testa
0

"Basta tette, mostrate il cervello".
Al campus Folcara si esibisce la testa

Cassino

«Nella gara di dubbio gusto tra studenti e studentesse universitari che postavano in rete seni, pettorali e glutei, vorrei che tutta italia applaudisse le studentesse dell’Università di Venezia: hanno deciso di postare in rete l’organo più importante: il cervello. Ognuno posta quel che ha». Il plauso alle studentesse dell'Università di Venezia è giunto mercoledì pomeriggio dall’europarlamentare David Sassoli e, a distanza di 24 ore, le ragazze dell’ateneo di Cassino, hanno preso spunto.

Ieri pomeriggio, difatti, una studentessa dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale ha postato sui social e sui vari gruppi Fb dell’ateneo una foto con la scritta sul cervello. “Uniclam”, questa volta, è stato l'acronimo scelto. Da diverso tempo la sfida a colpi di foto di décolleté tra studentesse universitarie sta rimbalzando su internet e sui social network, fino ad arrivare anche nell’ateneo di Cassino.

Il tutto è nato per gioco in due università di Milano che a forza di foto e like si sono date battaglia per determinare quali studentesse avessero la scollatura più “piccante” e più votata. Come spesso accade su Facebook basta davvero poco perché un fenomeno diventi virale. Sempre nella giornata di mercoledì un’altra foto a seno nudo, questa volta con l’acronimo Unicas, è comparsa sulla pagina Fb “Spotted: UNICAS Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale”, ma la gran parte delle studentesse hanno mostrato pollice verso.

Intervistate al Campus Folcara le ragazze hanno infatti tuonato contro le colleghe: «Con questa stupida campagna pubblicitaria, se così si può definire - spiega un’iscritta ai corsi di Economia - torniamo indietro di quarant’anni. Abbiamo fatto tanto per affermarci come donne ma nonostante tutto saliamo alla ribalta solo per competenze fisiche, mentre proprio all’Università - che è il tempio della cultura- si dovrebbero avere altre competenze che non sono quelle fisiche».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400