Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Scontro sulla Casilina. Angoscia e preghiere per Lara
0

Incidente frontale sulla Casilina: angoscia e preghiere per Lara, grave a Roma

Ferentino

Restano gravi le condizioni di Lara, la giovane ventinovenne rimasta ferita nel terribile scontro, tra un furgone e una Smart, avvenuto mercoledì mattina in via Casilina, vicino alla Cittadella dello sport. La ragazza di Ferentino è in rianimazione al policlinico “Umberto I” di Roma, dove è stata trasferita con un’eliambulanza poco dopo l’arrivo all’ospedale “Fabrizio Spaziani” di Frosinone. I dottori, vista la gravità delle ferite riportate, ne hanno predisposto il trasferimento in una struttura più attrezzata della Capitale. Le hanno riscontrato la frattura scomposta del femore, la rottura del bacino e sospetta lesione della colonna vertebrale, inoltre la rottura della milza con emorragia interna, per cui è stata subito operata per l’asportazione della milza. Ore di angoscia per i familiare gli amici.

Intanto ieri pomeriggio nella cappella del Piccolo Rifugio a Ferentino, accanto alla chiesa di Madonna degli Angeli, c’è stato un momento di preghiera. Dopo l’ennesimo incidente sulla Casilina, e in particolare all’altezza dell’incrocio all’altezza del nuovo impianto sportivo, inaugurato proprio qualche ora dopo dall’incidente, esplode la polemica. In tanti chiedono interventi di messa in sicurezza e soprattutto la realizzazione di una rotatoria. Cresce la rabbia per la pericolosità del tratto della Casilina. Anche il movimento Cambiare interviene chiedendo interventi. «Nuovo incidente all’incrocio del Campo sportivo - scrive Marco Infussi che punta il dito contro l’amministrazione comunale - Oggi abbiamo la prova che una rotatoria si poteva fare: un chilometro prima ne sorge una del diametro di 36x25 metri, e a Frosinone si entra tramite una rotatoria di 42 metri.

E presso il Campo sportivo? Abbiamo uno spazio di 85x45 (se non 55). Esistono decine di modi per fare rotatorie: di traverso, allungate, triangolari, ellittiche. Smettetela di titillare il vostro ego con pali di 40 metri, smettetela di fare opere che poi richiedono modifiche onerose solo per far girare la ruota del consenso, e sistemate il benedetto incrocio - anche con interventi provvisori - in modo che il traffico veicolare rallenti la velocità». Un pericolo anche per i dipendenti e fruitori delle attività e locali commerciali a ridosso dell’incrocio. «Le strisce pedonali più prossime sono dopo il bar - sottolinea un cittadino - Il parcheggio pubblico invece, di fronte alle attività citate. I camion che effettuano scarichi presso le attività, spesso sono costretti a compiere infrazioni per accedervi. Servono soluzioni urgenti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400