Sembrava tutto fatto, ma adesso l’operazione rischia di saltare. Parliamo del rientro di Adriano Roma in Forza Italia, salutato e festeggiato da 17 esponenti “azzurri” venerdì scorso all’hotel Cesari. La scintilla è stata rappresentata dalla nomina di Giammarco Florenzani a responsabile del settore organizzazione del coordinamento provinciale. E qui c’è un piccolo “giallo” sulle date. La lettera del coordinatore provinciale Pasquale Ciacciarelli è del 9 dicembre, ma la novità è stata comunicata ufficialmente alla stampa il 19 dicembre. Nella nota Pasquale Ciacciarelli scrive a Florenzani: «Considerato il tuo impegno nel nostro Movimento politico sono certo che svolgerai con entusiasmo e passione questo incarico in vista delle elezioni comunali 2016, che vedranno impegnati diversi Comuni della nostra provincia. Tale impegno ti porterà ad esperire tutte le attività che serviranno a far raggiungere al nostro movimento politico grandi risultati promuovendo iniziative e progetti che potranno coinvolgere il maggior numero di cittadini».
Si tratta di un incarico operativo e il riferimento alle elezioni comunali è significativo. La domanda è: perché sono passati dieci giorni dalla firma all’ufficializzazione mediatica? Dal canto suo Adriano Roma spiega: «Se sono rientrato in Forza Italia? Ancora no. Se è ipotizzabile che io rimanga nell’Ncd? Guardi, ho detto e ribadisco che non posso restare in un partito, il Nuovo Centrodestra, che viaggia verso un accordo organico con il Pd. In questo momento non sto nell’Ncd e neppure in Forza Italia. Sono un uomo di centrodestra, libero». Sull’argomento il coordinatore provinciale degli “azzurri” Pasquale Ciacciarelli afferma soltanto: «La nomina di Giammarco Florenzani è antecedente al tema dell’ingresso di Adriano Roma e non confligge assolutamente con questo tipo di possibilità».Nessuna dichiarazione da parte del consigliere regionale Mario Abbruzzese, ma mai come in questo caso i silenzi dicono più delle parole.