Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Petrarcone

Il sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone

0

Elezioni in 25 Comuni, tutte le sfide e le strategie

Frosinone

In primavera si voterà in venticinque Comuni della provincia di Frosinone, tra i quali Cassino, Sora e Alatri. Sfide delicate dappertutto, che nessuno può permettersi di perdere.

Venticinque su novantuno. La traduzione in percentuale porta al 27,4%. Sul piano sostanziale significa che al voto andrà più di un Comune su quattro della provincia di Frosinone. A livello politico ed amministrativo un test importante, che rappresenterà un bivio per tutti: candidati a sindaco, leader di partito, coalizioni, esponenti di liste civiche. Si voterà a maggio, ma, una volta mangiato il panettone, inizierà un conto alla rovescia serrato. Perché trovare la “quadra” sarà complicato per tutti.
I Comuni più grandi impegnati nel turno elettorale sono Cassino, Sora ed Alatri.
Ma ci sono pure Monte San Giovanni Campano, Arpino, Castrocielo, Castro dei Volsci, Roccasecca, Sgurgola, Supino. Clima già molto acceso anche ad Acquafondata, Alvito, Casalattico, Castelnuovo Parano, Collepardo, Esperia, Fumone, Pastena, Pignataro Interamna, Terelle, Torre Cajetani, Trivigliano, Vallecorsa, Vicalvi, Viticuso.
Le scelte sono obbligate e in molti caso già note.
La linea del Partito Democratico è quella di sostenere gli uscenti nei tre Comuni più grandi. Ad Alatri non ci sono problemi su Giuseppe Morini. A Cassino invece l’appoggio del Pd è per Giuseppe Golini Petrarcone, ma a nessuno sfugge che la discesa in campo del consigliere regionale Marino Fardelli potrebbe determinare delle scelte diverse da parte di alcune componenti dei Democrat. A cominciare da quella del senatore Francesco Scalia. A Sora pieno sostegno ad Ernesto Tersigni, che però vorrebbe una coalizione completamente civica. Senza simboli di partito cioè. Un tema di discussione senza dubbio.
Forza Italia dirà la sua, presentando liste ovunque. A Sora gli “azzurri” sono schierati con Roberto De Donatis, a Cassino con Carlo Maria D’Alessandro. Ad Alatri è stato dato mandato ad Antonello Iannarilli di decidere: l’ex parlamentare potrebbe candidarsi a sindaco. Ma intanto c’è già un elemento: le liste civiche vengono preferite dai candidati a sindaco. Questo la dice lunga sulla crisi dei partiti, perfino nella percezione del loro ruolo da parte della gente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400