Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









"Suo figlio ha avuto un incidente"  Ma era una truffa
0

"Suo figlio ha avuto un incidente"
Ma era una truffa

Frosinone

Tentata truffa sventata dalla Polizia di Stato. Truffatori in azione con il raggiro dell’incidente stradale causato dal figlio per ottenere soldi. E’ l’ora di pranzo quando arriva a casa di un anziano signore di Frosinone una telefonata di quelle che nessuno vorrebbe ricevere. All’altro capo del telefono un estraneo che, millantando di essere un appartenente alle forze dell’ordine, comunica al malcapitato la notizia del coinvolgimento del proprio figlio in un incidente stradale. Approfittando della confusione ed emotività scatenata dalla nefasta comunicazione l’interlocutore chiede al padre la somma di 5.000 euro per evitare al congiunto il ritiro della patente di guida, in quanto responsabile del sinistro che ha coinvolto un motociclista. Per carpire la fiducia del malcapitato, la persona chiamante fornisce dettagli attinenti la vita e le amicizie del figlio e comunica che a ritirare la somma di denaro richiesta passerà, di lì a poco, un avvocato, fornendo il modello e colore dell’auto con cui si presenterà. La vittima, seppur sconcertata per quanto le è stato appena riferito, ha comunque la lucidità di contattare il figlio che smentisce i fatti, rassicura il padre e lo invita nel contempo a chiamare il 113. L’operatore della sala operativa della Questura non appena riceve la nota diffonde le ricerche dell’auto segnalata a tutte le pattuglie presenti sul territorio. Personale della Squadra Mobile intercetta nelle vicinanze dell’abitazione un’auto dello stesso modello da ricercare, con a bordo due giovani di 37 e 30 anni. Dalla consultazione della banca dati interforze emergono a carico dei due partenopei numerosi precedenti di polizia, per truffa e per reati contro il patrimonio, tra i quali anche la rapina.

Accompagnati presso gli uffici di Polizia nei loro confronti è stata attivata la procedura per l’applicazione del foglio di via obbligatorio dal comune di Frosinone. Sono in corso per verificare se i due giovani siano i responsabili della tentata truffa di ieri, nonché di quelle attuate negli ultimi mesi in provincia con lo stesso modus operandi. Importante per l’attività investigativa sarà il contributo di coloro che siano stati vittime di truffe o tentate truffe messe in atto con le stesse modalità ma che non abbiano ancora presentato denuncia. In questo contesto è comunque fondamentale la collaborazione dei cittadini per assicurare alla giustizia i responsabili ed evitare che anche altre persone possano essere vittime di tali spregevoli reati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400