Ha illustrato i principali risultati del suo mandato, abbassando i toni nei confronti della politica e dei sindaci, dopo il pollice verso di questi ultimi nei confronti del suo operato. Isabella Mastrobuono, direttore generale della Asl di Frosinone, il giorno dopo ha scelto un profilo basso: tornando sulla distinzione tra politica e tecnica, sottolineando il lavoro fatto dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti per il piano di rientro sulla sanità e non nascondendo una certa preoccupazione per gli ulteriori tagli che si profilano sulla sanità a livello nazionale. Ha detto: «Comprendo i sindaci, che devono rispondere ai cittadini e che vorrebbero una sanità migliore, ma dobbiamo fare i conti con quelle che sono le risorse a disposizione». Quindi ha aggiunto: «Se ho raggiunto gli obiettivi? Questo giudizio spetta alla commissione regionale e non voglio apparire presuntuosa». Isabella Mastrobuono, dopo lo scontro frontale di ieri con la politica e con i sindaci, dunque prova a correggere la rotta. Il direttore amministrativo Mario Piccoli Mazzini ha detto che la Asl ha ottenuto le deroghe per portare da tre a sei mesi i contratti a tempo determinato previsti nel bando di assunzione.