Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Mercato, si rischia il caosLa denuncia dell'opposizione

Il mercato settimanale del Casaleno

0

Mercato, un futuro di caos e disagi
A fine mese i banchi verranno spostati in via Michelangelo

Frosinone

A fine settembre il mercato settimanale dovrà fare armi e bagagli e trasferirsi altrove per consentire i lavori di demolizione della recinzione dello stadio Casaleno. Di strada ne dovrà fare veramente poca perché da viale Olimpia si sposterà in via Michelangelo, la strada che costeggia il conservatorio.
Nulla di male, se non fosse che si parla di un’arteria strategia per i cittadini che devono raggiungere l’ospedale Fabrizio Spaziani o l’aeroporto e per le centinaia di studenti che si recano al Refice. Per quattro giorni al mese, quindi, il traffico si sposterà inevitabilmente tutto su via Armando Fabi, già notevolmente congestionata.

Misura adottata dal Comune per demolire la recinzione dello stadio Casaleno

A sollevare il problema della viabilità è stato più volte il capogruppo del Partito socialista italiano Massimo Calicchia. Lo scorso anno, quando l’intervento per la realizzazione del nuovo impianto sportivo non era ancora in programma, propose di rivedere trasporto pubblico e parcheggi, perché riteneva che la presenza dei banchi non fosse compatibile con le esigenze della zona. Da allora, la situazione è cambiata e oggi si rischia davvero il caos.
Di recente, sull’argomento è intervenuto con delle rassicurazioni l’assessore alle Attività produttive Massimo Renzi, sostenendo che «i commercianti non dovranno preoccuparsi di nulla perché abbiamo tuttal’intenzione di rispettare le loro necessità e richieste. Con la collaborazione dell’Assessorato ai Lavori pubblici cercheremo di agire in funzione del cronoprogramma degli interventi, così sia gli esercenti sia le ditte che si occupano delle operazioni di adeguamento dello stadio potranno svolgere il loro lavoro senza ostacolarsi a vicenda».

Già a luglio del 2014 il socialista Calicchia aveva posto il problema viabilità

E i cittadini? L’altro aspetto, una sorta di ciliegina sulla torta, riguarda lo stato indecente dei marciapiedi di via Michelangelo. Buche, voragini, avvallamenti sono una costante, tanto che è impossibile camminarvi, a meno chenon si voglia correre il rischio di inciampare e magari rimediare una distorsione. Ma ancora più pericolosi lo sono però per gli sportivi che frequentano il Casaleno, che ogni volta che tentanto l’impresa sono costretti a rinunciare. Con tanto di imprecazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400