Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Rifiuta l'alcol test Denunciato dai carabinieri
0

Evade in bicicletta per comprare le sigarette

Frosinone

Una sigaretta val bene un’evasione. Troppo forte la voglia di fumare per un 53enne del capoluogo che ha deciso di uscire di casa nonostante fosse ristretto agli arresti domiciliari. Ma la sua “passeggiata”, per lo più sui pedali di una bicicletta, non è passata inosservata ai carabinieri del Nucleo radiomobile e operativo di Frosinone che l’hanno arrestato.

I militari dell’Arma, infatti, si erano presentati nella sua abitazione per il controllo delle persone sottoposte agli arresti domiciliari e non avevano trovato il 53enne. Dopo una breve attesa lo hanno visto rientrare a casa a bordo della bicicletta. L’anomala fuga è stata così bloccata e l’uomo condotto nelle camere di sicurezza del comando provinciale dei carabinieri in attesa della convalida. Ieri mattina l’uomo è comparso davanti al giudice per rispondere dell’accusa di evasione, assistito dall’avvocato Nicola Ottaviani.

L’uomo, ai domiciliari per un’accusa di ricettazione, ha riferito al magistrato e al legale che gli facevano le domande che era semplicemente uscito per comprarsi le sigarette. Ha raccontato di essere un incallito fumatore abituato a consumare fino a due pacchetti di sigarette al giorno. Ha spiegato che stava impazzendo in quanto era rimasto privo di “bionde”.

Da qui la telefonata alla moglie con preghiera di andargli a comprare un pacchetto. Ma al telefono i coniugi hanno litigato. La donna era a giocare al bingo e si è rifiutata di interrompere l’attività. Di fronte all’insistenza del marito la donna ha sbottato: «Arrangiati, fai come ti pare». Questo ha raccontato l’uomo al giudice.

Quindi ha inforcato la bicicletta ed è andato fino al bingo per farsi dare i soldi. Al giudice, che ha chiesto perché il 53enne non si fosse affidato a un familiare, ha riferito che la moglie non si fidava a mettere i soldi nelle mani di estranei. L’uomo ha preso i soldi e stava facendo ritorno a casa dove avrebbe dovuto incaricare un parente dell’acquisto. Ma non ha fatto in tempo, perché nel frattempo è stato arrestato. Il magistrato ha convalidato l’arresto e ha rimesso il 53enne ai domiciliari sulla base dell’altro reato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400