Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Pasto con cavalletta in ospedale
0

Pasto con cavalletta in ospedale

Frosinone

Arriva la cena e nel piatto di verdura spunta una cavalletta. Destinataria del disgustoso pasto una paziente di Ceprano ricoverata nei giorni scorsi al reparto di Medicina dell’ospedale “Fabrizio Spaziani”.

Il fatto

Era il tardo pomeriggio di sabato quando, come ogni giorno, i pazienti aspettano la cena. E anche lei, un’anziana di Ceprano, era in attesa del pasto. In un piatto di verdura, però, la donna ha subito notato qualcosa di strano. Inizialmente non ci ha fatto molto caso, ma poi esaminando più da vicino il contenuto del pasto si è resa conto di una terribile verità. Quasi mimetizzata nel verde, è spuntata una cavalletta. Disgusto e ribrezzo nel volto della signora che ha mostrato il piatto anche alla vicina di stanza. Poi ha raccontato ai familiari quanto accaduto. Immaginabile la rabbia e le proteste per quell’orribile scoperta: i familiari della donna stanno ancora valutando l’opportunità di sporgere formale denuncia per quanto accaduto. Al momento non sarebbe ancora stata formalizzata ma quel che è certo è che la notizia ha fatto il giro del reparto prima e dell’ospedale poi.

Non è ancora certo se formalizzeranno una denuncia per l’accaduto, ma di certo la notizia è iniziata a circolare all’interno del reparto. La malcapitata ha lasciato la struttura sanitaria due giorni fa e della sua degenza non dimenticherà questa esperienza.

Le responsabilità

Cose che capitano, si potrebbe dire. Ma che non dovrebbero succedere soprattutto se si tratta di un ospedale, una struttura pubblica. L’episodio non è imputabile alla Asl, dal momento che la preparazione dei pasti attiene alla ditta esterna che gestisce il servizio mensa allo “Spaziani”.  Siamo certi che l’Azienda sanitaria, finora gestita senza sbavature dal commissario Luigi Macchitella, farà piena luce sulle responsabilità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400