Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Gli sciacalli bussano e chiedono soldi per le popolazioni colpite dal terremoto
0

Gli sciacalli bussano e chiedono soldi per le popolazioni colpite dal terremoto

Frosinone e provincia

Gli sciacalli del terremoto non si aggirano solo nelle terre disastrate dal sisma nel Centro Italia, ma anche in provincia di Frosinone, come in altre zone d’Italia. Persone senza scrupolo che cercano di approfittare di chi davanti a una tragedia senza fine è pronta a offrire il proprio aiuto, a non far mancare il sostegno a chi ha perso tutto nella notte del 24 agosto scorso.

Alcuni cittadini hanno ricevuto la visita di truffatori, a loro detta incaricati di raccogliere fondi da destinare ai terremotati. A darne notizia e a mettere in guardia i cittadini, da nord a sud della Ciociaria è l’associazione Adoc: “Attenzione! Stanno andando casa per casa a chiedere soldi per le persone terremotate del Centro Italia. Non esistono associazioni per questo, non date nulla sono sciacalli. Fatelo solo attraverso canali ufficiali. Eventualmente chiamate le forze dell’ordine”. Mario Pirri, presidente dell’Adoc di Frosinone, associazione difesa orientamento consumatori avverte i cittadini: “Ieri mattina abbiamo ricevuto alcune segnalazioni di cittadini soprattutto del cassinate. Ma la denuncia è arrivata anche da Frosinone e sicuramente tanti altri paesi sono stati interessati. Si muovono a macchia di leopardo per non destare sospetti. Secondo le segnalazioni che ci sono arrivate, sarebbero due ad agire, a bussare alla porta delle abitazioni per chiedere soldi. Mostrano un tesserino e dicono di far parte di associazioni. Ma al momento, da quello che sappiamo, non risulta alcuna associazione autorizzata a raccogliere fondi “casa per casa”. Esistono altri canali, esiste un numero verde, o le varie iniziative di raccolta di beni di prima necessità organizzate anche a livello comunale. Ma, come ripetiamo, non raccolte direttamente nelle abitazioni. Quindi, mi rivolgo ai cittadini, prestate attenzione e se avete sospetti contattate le forze dell’ordine. Ieri ci sono giunte diverse telefonate, soprattutto dalle località rurali”.

Nel tragico momento che il nostro Paese sta vivendo, come al solito, dunque, c’è chi se ne approfitta, e così alcuni sciacalli stanno girando per le case con il classico “porta a porta” per chiedere soldi da destinare alle vittime del recente terremoto nel reatino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400