Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









L'audace colpo degli imbranati. Tentata rapina  a Banca Etruria
0

L'audace colpo degli imbranati. Tentata rapina a Banca Etruria

Frosinone

Tentata rapina a mano armata e terrore tra i dipendenti ieri pomeriggio nella sede della Banca Etruria in via Marco Tullio Cicerone, e per la seconda volta, nel giro di pochi mesi, l’istituto di credito viene preso di mira dai malviventi. In questa occasione, però, ai rapinatori è andata male, non essendo riusciti a portare via nemmeno un euro.

Dopo il tentato colpo due persone sono state fermate e ora si attendono gli sviluppi dell’indagine della Polizia che procede nell’inchiesta supportata dai colleghi dell’Arma. Ad agire non sono stati dei professionisti, considerando anche i racconti dei funzionari presenti all’interno che hanno parlato di un rapinatore impacciato e molto nervoso, quasi maldestro. La cronaca Un tentato colpo avvenuto in pieno giorno come il 16 febbraio scorso quando, al contrario, l’azione criminale fruttò in quella occasione ben 300.000 euro.

Un colpo effettuato da professionisti durante la pausa pranzo, entrati da una varco esterno qual- che ora prima. Tanto che i di- pendenti in quella circostanza vennero anche chiusi in una stanza della filiale, per consenti- re ai malviventi una fuga indisturbata. Ieri tutto è accaduto all’improvviso attorno alle 16.40 poco dopo la chiusura degli sportelli. All’interno ci sono solo i dipendenti. Sembra un classico pomeriggio che si sta concludendo tranquillamente. Ad un certo punto si sentono sia internamente che esternamente, come poi riferiranno alcune testimonianze, due o tre colpi forti con un grande trambusto.

Da un finestrone laterale, a sinistra dell’ingresso centrale, irrompe nella filiale un rapinatore con volto coperto e pistola in pugno. Dopo averlo forzato, sicuramente con qualche arnese da scasso, con l’arma si rivolge ai dipendenti, che compreso quanto stesse accadendo, non oppongo- no resistenza. L’uomo urla, la sua mano con cui impugna l’arma, però, è tremolante, è impacciato, elemento questo che fa ca- pire che ci si trova dinanzi ad un non professionista. E questo fa salire la tensione nei dipendenti, soprattutto dopo l’esperienza del febbraio scorso. Il rapinato- re chiede di entrare nel caveau, ma quando sta per raggiungerlo suona l’allarme.

In preda alla paura di essere preso, non ci pensa su due volte e decide di fuggire. Uscito da dove era entrato, sale a bordo di una Bmw di colore scuro nella quale ad attenderlo c’era un complice. Sul posto arrivano volanti della polizia e carabinieri che avviano le ricerche in maniera congiunta tanto che poco dopo fermano due persone sospette che sono state portate in Questura per accertamenti.

Oggi se ne potrebbe sapere qualcosa di più. Di certo per l’istituto bancario, in primis per i dipendenti, un 2016 terribile. Una rapina e una tentata con molta paura tra il personale. Oggi si tornerà al lavoro e di certo prima di entrare si darà uno sguardo agli ingressi esterni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400