Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Giovane recidiva finisce in manetteArrestata nove volte in dieci mesi

Carabinieri in azione

0

Giovane recidiva finisce in manette
Arrestata nove volte in dieci mesi

Ferentino

Il giudice aveva accolto l’istanza del suo avvocato e l’aveva affidata a una comunità di recupero del cassinate. Struttura da cui è fuggita per prendere il primo treno per Ferentino e tornare nella sua città. Sono scattate le ricerche ma della ragazza nemmeno l’ombra, fin quando l’altra sera è tornata “in azione”.

Si è recata nella stazione dei carabinieri, ha distrutto gli arredi e si è scagliata contro il maresciallo e un altro militare. Per lei sono scattate di nuovo le manette, la nona volta in dieci mesi. Protagonista è una ventitreenne della città gigliata. Accompagnata nella camera di sicurezza della Compagnia di Anagni ha dato in escandescenza. È stato necessario l’arrivo degli operatori del 118 che hanno trasportato la ferentinate, difesa dall’avvocato Mario Cellitti, nell’ospedale di Frosinone. Questa mattina la convalida dell’arresto proprio nella struttura ospedaliera del capoluogo.
Una storia che ha inizio circa un anno fa, quando la giovane va in caserma e mette a soqquadro gli uffici e picchia i militari. Episodi che si ripetono nel corso dei mesi. Stesso modus operandi, la ventitreenne arriva in stazione, dà in escandescenza, distrugge i mobili, rompe le sedie e colpisce con calci e schiaffi i militari. In un caso cerca di raggiungere l’alloggio del comandante Alborino, entrando nell’area militare. Due mesi fa, dopo l’ottavo arresto, il giudice ne aveva deciso il trasferimento in una comunità di recupero. Comunità da cui è fuggita. Lunedì pomeriggio la ragazza ha fatto una nuova intrusione in caserma, ha distrutto alcuni arredi degli uffici e ha colpito gli uomini dell’Arma.
Per lei, quindi, sono scattate le manette ed è stata accompagnata nella camera di sicurezza di Anagni. Nella notte ha continuato a dare in escandescenza ed è stato pertanto necessario contattare gli operatori del 118. Con un’ambulanza è stata accompagnata nell’ospedale di Frosinone. E proprio nella struttura ospedaliera questa mattina si terrà la convalida dell’arresto davanti al gip. La ventitreenne è difesa dall’avvocato Mario Cellitti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400