Ieri mattina i militari della locale Stazione, al termine dell'attività investigativa, hanno deferito in stato di libertà M.S.P., trentatreenne di origini rumene, responsabile del reato di appropriazione indebita.I carabinieri hanno raccolto univoci e coincidenti elementi di colpevolezza nei confronti dell'uomo che era già stato censito per reati contro il patrimonio. Nel mese di novembre, a seguito di un trasloco di una 65enne romana, l'uomo si appropriava indebitamente delle masserizie, consistenti in oggetti d'arredo, a lui affidate, poi rinvenute nella sua abitazione a seguito di una attenta perquisizione domiciliare, debitamente occultate in casa.Tutto il materiale recuperato è stato sottoposto a sequestro giudiziale in attesa di essere restituito al legittimo proprietario.