Sulla vicenda della chiusura dello stabilimento di Roccasecca, per la prima volta dallo scorso 1 dicembre, l'azienda è intervenuta con una nota ufficiale, nella quale scrive: 

La nota dell'azienda, che rompe il silenzio
"Ideal Standard conferma la propria presenza all'incontro indetto dal MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) per domani, venerdì 12 gennaio. L'azienda, in queste settimane, ha sempre mantenuto un dialogo costante con le istituzioni e le parti sociali, con le quali rimane intenzionata ad avere una discussione costruttiva.
Ideal Standard si augura che il prossimo incontro al MISE possa anche essere l'occasione per valutare eventuali proposte, presentate dalle istituzioni o da soggetti terzi, per dare allo stabilimento di Roccasecca continuità operativa.
Ideal Standard, infatti, pur confermando la propria impossibilità a effettuare ulteriori investimenti sullo stabilimento, guarda positivamente alla possibilità che altre forze imprenditoriali manifestino interesse per il sito produttivo di Roccasecca e le professionalità che in esso operano".

Si sono incatenati davanti ai cancelli dello stabilimento. Parola d'ordine: "Dallo stabilimento non uscirà nulla". Questa la risposta dei lavoratori dell'Ideal Standard di Roccasecca alla richiesta della multinazionale di far uscire dallo stabilimento circa 400 pezzi. Una provocazione per i sindacati. "Questa mattina barricate davanti allo stabilimento! Nessun camion deve entrare per caricare! Dallo stabilimento non deve uscire niente! Tutti uniti e tutti presenti!
Basta ricatti! Vogliono la guerra? E guerra sia!". 
Al momento non è arrivato alcun camion per caricare, segno che la protesta, almeno per ora, sta avendo gli effetti sperati.