Teneva in casa una giovane cinese costringendola a prostituirsi per dieci euro. Il giudice ha appena disposto per la maitresse, arrestata ieri in una casa hot di via Sferracavalli per sfruttamento della prostituzione, la convalida dell'arresto e il rigetto della misura cautelare. Dunque, torna libera. Dopo la richiesta di patteggiamento si è proceduto a giudizio immediato con una condanna a due anni.

Intanto continua a far parlare, in città, la scoperta di un'altra casa a luci rosse in centro. Prezzi bassi, 50 euro a prestazione, rispetto ai 100 accertati in altre realtà hot disseminate nel cuore urbano della terra di San Benedetto. Cinquanta euro che la maitresse incassava direttamente per poi "devolvere" dieci o quindi euro alla sua "vittima". Quando gli agenti del dottor Tocco sono entrati nella stanza del piacere hanno trovato, oltre a centinaia di profilattici e dieci telefonini utilizzati per i clienti, anche una macchinetta per evitare di incappare in banconote false.

Un appartamento insospettabile, dopo si poteva salire e scendere con tranquillità, immersi nella quotidianità urbana, e ricevere massaggi "speciali". Per tutti i gusti. L'appartamento di 90 metri quadrati è stato posto sotto sequestro mentre nel reggiseno della donna, nascosti nel push-up, sono stati trovati 750 euro. Per la polizia è una cifra media che può corrispondere a due giornate di lavoro. Tanti i clienti, cassinati e di fuori provincia, che frequentavano quel posto. Migliaia di euro, il guadagno mensile per la maitresse. Ecco perché la polizia continua le indagini.

Cinquanta euro per una prestazione sessuale a pagamento con una "massaggiatrice" cinese, a due passi dal centro di Cassino, in un condominio come tanti, dove si stendono panni e si scende con i bambini per andare a scuola. Facile "confondersi" tra la gente e bussare a una delle tante case del sesso urbane dove, al di là della porta, c'è un momento di svago a prezzi contenuti rispetto ad altri luoghi hot in città. Cinquanta euro per il cliente e poco più di dieci euro per chi quella prestazione doveva effettuarla. Schiave del sesso, senza permesso di soggiorno, assoldate per fare la ricchezza di una maitresse che poteva contare su uno "stipendio" mensile da imprenditore! Nascoste nel reggiseno della donna la polizia ha trovato 750 euro: per gli investigatori potrebbero rappresentare i proventi illeciti di un paio di giornate di lavoro. Dunque, quasi duemila euro a settimana e magari 7.000 al mese.

Bastava togliere l'affitto, le spese di casa e la misera paga per le squillo (che, per gli inquirenti, variano di settimana in settimana) e in tasca restavano parecchi soldoni.

L'operazione
Tutto questo fino a quando i poliziotti del Commissariato non hanno fiutato qualcosa e, nel tardo pomeriggio di martedì, a seguito di una segnalazione per spaccio di droga, gli uomini agli ordini del dottor Alessandro Tocco non sono entrati proprio in quella casa (in via Sferracavalli) per una perquisizione domiciliare. Ad aprire la porta agli agenti è stata una donna di nazionalità cinese di 36 anni ma è bastato compiere qualche passo all'interno di quell'ambiente, entrare in una stanza da letto e trovare, avvolta da luci soffuse, una connazionale in abiti succinti. E proprio in quell'alcova c'erano gli "arnesi del mestiere" come centinaia di profilattici, una decina di cellulari e una macchinetta per controllare che i soldi dei clienti non fossero falsi! Difficile avere dubbi sull'attività di meretricio che si svolgeva all'interno di quei novanta metri quadrati, trasformati in angolo di paradiso per uomini alla ricerca di "distrazioni". Un angolo del sesso simile agli altri, sparsi tra i palazzi-bene di Cassino, dove le ragazze arrivano per brevi periodi e, poi, vengono sostituite: un "ricambio" funzionale, magari, a non cristallizzare i sospetti su determinati volti (anche se le signorine escono poco) e ad allettare i clienti con continue novità.

La promessa del lavoro
È stata proprio la giovane trovata nella camera a luci rosse a confessare agli operatori di polizia di essere arrivata da Firenze soli quattro giorni fa, dopo aver risposto a un annuncio in cui si offriva lavoro a Cassino come massaggiatrice e di essere irregolare sul territorio nazionale. Forse, il suo stesso viaggio in Italia poteva nascondere la promessa di un lavoro sicuro, lontana - magari - da una vita di povertà. Un miraggio, probabilmente, diventato incubo, che ha assunto le fattezze della mercificazione del proprio corpo. Ad accoglierla a braccia aperte a Cassino è stata la connazionale che l'ha subito inquadrata: avrebbe dovuto offrire prestazioni anche sessuali ai clienti, chiedendo loro un compenso di 50 euro. Per lei sarebbero restate dieci o quindici euro per ogni incontro. E così per la "maitresse" sono scattate le manette per i reati di sfruttamento della prostituzione e impiego di lavoratori stranieri non in regola con il permesso di soggiorno; oggi la direttissima. Alla cittadina cinese, non in regola con il permesso di soggiorno, è stato invece notificato un ordine di allontanamento dal territorio nazionale.

Un puzzle da ricostruire
La casa è stata posta sotto sequestro dalla polizia che ora indaga su più fronti. Tante le tessere del puzzle acquisite durante le insistenti operazioni nelle case del sesso. A tenere unito il "disegno" sono gli affari, certe modalità di reclutamento, la clientela continua ed esigente. Che ora trema! Tanti i contorni da definire tra i giri del denaro e i livelli organizzativi.

Appartamento a luci rosse sequestrato. Sigilli che la Polizia ha apposto per chiudere la casa hot scoperta ieri pomeriggio in via Sferracavalli dove una maîtresse cinese faceva prostituire connazionali senza permesso di soggiorno, per poi consegnarle solo una piccola parte dei proventi. Una storia triste quella che si nascondeva in quelle quattro mura, un vaso di Pandora scoperchiato dagli agenti del dottor Alessandro Tocco, un nuovo capitolo contro la prostituzione e gli affari d'oro che arricchiscono "pochi" personaggi. La donna aveva attirato l'ennesima "signorina" in quella alcova promettendole un lavoro da massaggiatrice per poi condurla sulla strada della prostituzione. Aveva concordato 50 euro per ogni incontro sessuale ma alla sua "vittima" andavano poco più di dieci euro. Diverse le prestazioni della giornata per un lauto giro d'affari. Erano centinaia di preservativi presenti nella camera da letto dove la lucciola attendeva i suoi clienti, erano dieci i cellulari presenti nello stesso ambiente per tenere i contatti con il mondo esterno. C'era pura una macchinetta per controllare la validità del denaro e per non incappare in qualche "furbetto" in vena di pagamenti con soldi falsi.

Le regole del commercio in quella casa sono ancora al vaglio della polizia di Stato che continua gli accertamenti dopo l'ennesimo blitz nei palazzi-bene di Cassino dove si nascondono gli ambienti hot. Intanto la "maîtresse" - che aveva addosso pure 750 euro - è stata arrestata per i reati di sfruttamento della prostituzione ed impiego di lavoratori stranieri non in regola con il permesso di soggiorno; il processo per direttissima sarà celebrato nella giornata di domani.

Un'operazione, tra le più brillanti, nelle "case del sesso" disseminate in tutta la città di Cassino. Il blitz è scattato nel tardo pomeriggio di ieri. Tutto è partito a seguito di una segnalazione per spaccio di sostanze stupefacenti, così il personale del Commissariato di Cassino, agli ordini del dottor Alessandro Tocco, ha effettuato una perquisizione domiciliare all'interno di un appartamento in via Sferracavalli.
Ad aprire la porta ai poliziotti è stata una donna di nazionalità cinese di 36 anni, mentre in una stanza da letto, con luci soffuse, hanno trovato una sua connazionale in abiti succinti. Pochi dubbi sull'attività lavorativa che si svolgeva tra quelle quattro mura.
Il rinvenimento di numerosi profilattici, di 10 telefoni cellulari e di una ricevuta di pagamento per l'inserzione di un annuncio per incontri "hard" su un quotidiano locale, non ha lasciato adito a dubbi sull'attività di meretricio che si svolgeva all'interno.
A confermare l'illecita attività, la ragazza trovata nella camera da letto. La giovane confessa agli operatori di polizia di essere arrivata da Firenze soli 4 giorni fa, dopo avere risposto ad un annuncio in cui si offriva lavoro a Cassino come massaggiatrice e di essere irregolare sul territorio nazionale.

Giunta nel frusinate ed accolta dalla connazionale, proprio quest'ultima le ha detto che avrebbe dovuto offrire prestazioni anche sessuali ai clienti, chiedendo loro un compenso di 50 euro ed ottenendo per sé, ad ogni incontro, 10/15 euro.

La "maitresse" è stata arrestata per i reati di sfruttamento della prostituzione ed impiego di lavoratori stranieri non in regola con il permesso di soggiorno; il processo per direttissima sarà celebrato nella giornata di domani.

Alla cittadina cinese, non in regola con il permesso di soggiorno, è stato invece notificato un ordine di allontanamento dal territorio nazionale.