Una domenica come le altre per un gruppetto di appassionati di mountain bike, almeno così doveva essere nelle intenzioni degli sportivi cepranesi che si erano recati a fare una rilassante passeggiata nel bosco. Mai i ciclisti avrebbero potuto immaginare che sulla via del ritorno sarebbero riusciti a sventare un furto in una villa di via Triventi.
Il fatto risale a domenica scorsa. Erano circa le 12 quando, uno del gruppo di atleti di passaggio vicino a una villa in via Triventi, ha notato una Bmw 530 color bronzo, in sosta con il motore acceso davanti a una villetta e alla guida un uomo.

Sicuramente l'auto aveva una targa di un mezzo rubato. Tutti dettagli sospetti per chi è del mestiere, tant'è vero che il cepranese in bici è tornato indietro, ha avvisato i suoi amici, convinto che ci fosse qualcosa che non andasse. Il sospetto era corretto: pochi minuti e dal giardino della villa sono sbucati fuori quattro uomini che sono velocemente saliti in auto e si sono dileguati senza lasciare traccia. Dunque i sospetti del gruppo di amici non erano azzardati, ma al contrario realistici.
Ovviamente gli sportivi hanno allertato i carabinieri e i padroni di casa che, rientrati, hanno trovato la persiana blindata divelta. Se non fosse transitato il gruppetto di sportivi i ladri sarebbero entrati in azione mettendo a soqquadro la casa, rubando i valori e lasciando non pochi danni. Di fatto la prontezza del ciclista ha scongiurato il furto. Il gruppo di ciclisti ha allertato i carabinieri e dato diffusione della targa dell'auto sospetta affinchè tutti potessero collaborare con le forze dell'ordine e comunque alzare il livello di attenzione.
Da alcune settimane si registrano furti e tentativi, fortunatamente falliti, sul territorio di Ceprano. Nel mirino dei ladri ville periferiche, ma site anche a ridosso del centro dove i ladri si sono introdotti nei giardini disattivando le luci per poi passare al sistema di allarme.
Sicuramente le attenzioni dei cittadini possono esser utili a sventare furti e proteggere i beni privati.