L'allarme è scattato alle 21.06 di venerdì sera quando, nella sala operativa della Metropol, è stata segnalata un'intrusione. Due pattuglie sono arrivate sul posto e hanno individuato un giovane che tentava di dileguarsi portando nelle mani due buste piene di merce: fermato e consegnato ai carabinieri. Ieri mattina la convalida per direttissima e la misura degli arresti domiciliari.

I fatti
L'episodio è accaduto nell'area del Conservatorio di musica "Licinio Refice" di via Armando Fabi. All'interno della struttura, infatti, è ubicato un bar che, in quest'ultimo anno, è stato spesso visitato dai ladri, finora almeno quattro volte. Nella serata di venerdì, però, il colpo non è riuscito fino in fondo e l'autore, un giovane italiano G.S., è stato acciuffato grazie all'intervento tempestivo degli agenti della Metropol che lo hanno individuato in breve tempo dopo aver ricevuto l'allarme dell'intrusione nella sala operativa. Giunte sul posto, le pattuglie hanno fermato il ragazzo che aveva due buste piene di merce, appena prelevata dal bar, dove si era introdotto passando da una porta di sicurezza laterale che dà sul giardino. Immediatamente le guardie giurate hanno contattato i carabinieri che, intervenuti sul posto, hanno preso in carico il ladro. Ieri mattina la convalida dell'arresto per il giovane: per lui è stata disposta la misura dei domiciliari.

I precedenti
L'episodio di venerdì sera non è purtroppo un caso isolato: almeno quattro, nell'ultimo anno, i furti che sono stati messi a segno all'interno del bar del Conservatorio di musica. Adesso si tratterà di capire se il giovane fermato venerdì sera sia l'autore anche degli altri colpi, che in diverse occasioni, hanno danneggiato in più parti il locale commerciale di via Fabi.