Da Ripiano a Case Campoli traffico in tilt e automobilisti infuriati. Parcheggi improbabili e continui divieti di sosta violati. La Municipale evita le multe per non gravare sui commercianti, ma il rischio incidenti è elevato. Durante il sabato e la domenica la situazione è ingestibile. Le auto vengono parcheggiate ai lati della strada provocando un pericoloso restringimento della carreggiata. Così gli automobilisti di passaggio sono costretti a fermarsi o a transitare, tra slalom azzardati, come se l'arteria fosse una comune stradina di campagna a una sola corsia.

«Stiamo invece parlando di una strada altamente trafficata sia di giorno che di notte - commentano alcuni - Purtroppo c'è tanta maleducazione, soprattutto da parte di chi per un caffè al bar lascia il proprio veicolo in mezzo alla carreggiata creando non pochi disagi ai passanti. È chiaro che la mancanza di controlli porta a tali conseguenze. Siamo pienamente consapevoli della delicata situazione: ci sono i commercianti che devono "campare" e guai a toccarli. Hanno ragione, ma allora il nuovo parcheggio realizzato dal Comune che cosa ci sta a fare? Almeno ora che le scuole sono chiuse potrebbero utilizzarlo tutti, anche i clienti, invece niente. Purtroppo ai più piace trasgredire ed è quindi giusto chiedere punizioni esemplari per educare gli incivili al rispetto delle regole».

Sia via Ripiano che via Case Campoli sono due strade importanti, quotidianamente percorse da centinaia di automobilisti che devono recarsi a Frosinone per lavoro.

«La situazione diventa ingestibile soprattutto dopo le 18, quando sul tratto viario si trovano a transitare camion e pulmini di rientro dai cantieri. Il risultato sono file odiose e disagi infiniti per i residenti».

Il pericolo, infatti, non riguarda solo gli automobilisti ma anche e soprattutto i pedoni spesso distratti.

«Inevitabili gli incidenti, alcuni anche gravi. Per non parlare degli investimenti. C'è poi l'au tomobilista che ha fretta di tornare a casa e preme un po' sull'acceleratore. Anche in questo caso, qualche dissuasore potrebbe giovare non poco alla sicurezza del tratto».