Minuti di panico e col fiato sospeso per un bambino che ha rischiato di annegare. Salvato da un dottore di Frosinone, Emilio Lunghi, e dall'ex calciatore Pino Simoneschi. È successo ieri mattina a Terracina a un piccolo turista di 5 anni, di origine russa. Il mare era molto mosso e con le onde alte. Il bambino era sulla battigia quando all'improvviso è scomparso. Ad accorgersi per primi che il piccolo era in difficoltà sono stati proprio il medico Frusinate e l'ex calciatore del Terracina che in quel momento si trovavano in acqua. I due non hanno esitato a raggiungerlo: nonostante la forte corrente di risacca e le onde alte, sono riusciti ad afferrare il ragazzino e a riportarlo a riva. Erano circa le 12 quando si è verificato il fatto.

Il salvataggio

Questione di attimi e il bambino sarebbe stato risucchiato dall'acqua. Ma per fortuna è stato notato dal noto medico frusinate e dal suo amico. Senza pensarci su lo hanno raggiunto. Nel frattempo il bimbo è stato trascinato al largo e finito più volte sott'acqua. Lunghi e Simoneschi si sono avvicinati al piccolo combattendo con le forti correnti e sono riusciti a prenderlo quando ormai si era abbandonato, riuscendo a metterlo in salvo. «Abbiamo visto il bambino in acqua che stava annegando - racconta il dottore Lunghi - Non mi sento un eroe, ho solo fatto la cosa giusta da fare in quel momento. Ero in acqua con il mio amico Pino quando ho visto il piccolo in difficoltà. Siamo riusciti a salvarlo e a portarlo sulla riva. Ha subito pianto e questo è stato un buon segno che ci ha rassicurato». Infatti, il bambino, subito soccorso proprio da uno dei due "angeli che lo hanno salvato", il dottore Lunghi, a parte l'inevitabile spavento, non ha riportato gravi conseguenze e, tra le lacrime agli occhi, ha potuto riabbracciare i genitori e continuare a trascorrere la giornata di mare a Terracina.