Nel pomeriggio del 14 luglio u.s., in Esperia, i militari della locale Stazione, nel contesto di un articolato dispositivo di prevenzione attivato per il contrasto dei reati predatori, arrestavano un 67enne del luogo, già censito per reati contro la persona, per violenza, resistenza e minaccia a Pubblico ufficiale, lesioni personali e rifiuto di sottoporsi all'accertamento dello stato di ebbrezza.

Lo stesso, sorpreso alla guida della propria autovettura in evidente stato di ebbrezza, al fine di sottrarsi a tale accertamento e nel tentativo di darsi alla fuga con l'autovettura, colpiva al braccio, con un coltello a serramanico custodito nella tasca del pantalone, uno dei militari che si era interposto per impedirgli la fuga. Nella circostanza il pensionato proferiva, altresì, frasi offensive e minacciose nei confronti dei militari. Il carabiniere ferito, refertato presso l'ospedale di Cassino, veniva giudicato guaribile in 5 giorni, mentre l'arrestato veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari. L'autovettura, l'arma bianca ed il documento di guida venivano sequestrati.