Grande studioso di matematica, materia che insegnava da stimato prof di ruolo in Emilia Romagna, ma anche appassionato giocatore di slot machine. Due passioni che ad un certo punto l'uomo ha pensato bene di far coincidere. E così grazie alle sue conoscenze matematiche ha elaborato un sistema diabolico che gli ha consentito di sbancare le altrettanto diaboliche macchinette e di arrivare a vincere fino a 20mila euro a settimana con i quali "arrotondava" il suo magro stipendio di prof di matematica. 

L'uomo, originario di Salerno, in pratica accendeva e chiudeva i giochi in maniera tale da mandare in tilt il sistema e fare banco. Gli è andata bene fino a quando qualcuno, che si è accorto del suo trucchetto, non lo ha denunciato alla Guardia di Finanza. Quando è stato acciuffato aveva con sé un libro nel quale aveva annotati tutti i circoli d'Italia dove poteva giocare. Una cosa che ha lasciato alquanto meravigliati gli investigatori. I suoi studi di matematica lo avevano anche spinto a formulare combinazioni vincenti per il jackpot.

In considerazione di tutto ciò, il prof è stato arrestato con l'accusa di furto, certo di un furto particolare si è trattato ma il codice penale in merito è chiaro e l'uomo è finito nei guai, dovendo dire addio sia alla matematica sia alle slot machine sia ai sistemi per gabbarle.