Stagione conclusa per Nicolò Brighenti, lo sfortunato difensore canarino rimasto vittima di un infortunio alla spalla sinistra nel corso dell’allenamento della squadra nel pomeriggio del 22 agosto dello scorso anno e poi la brutta ricaduta nel corso della partita di Chiavari. Ieri mattina, Brighenti è stato sottoposto a visita specialistica all’interno di Villa Stuart da parte del prof. Castagna. Ed il parere dell’illustre professionista non ha lasciato spazio alla possibilità che il giocatore potesse tirare avanti senza ricorrere ad un intervento chirurgico. Che, invece, ci sarà e precisamente nella mattinata di sabato prossimo, sempre a Villa Stuart.

A questo punto, in considerazione del fatto che i tempi di recupero saranno abbastanza lunghi, il difensore non farà par- te della lista dei venti canarini che la società di patron Stirpe dovrà presentare in Lega entro il primo giorno di febbraio. Da parte sua il Frosinone sta valutando attentamente la situazione determinatasi dopo il forfait forzato di Brighenti e, intanto, da oggi il direttore sportivo Marco Giannitti sarà a Milano. L’obiettivo è quello di cercare di avviare e concludere le trattative per il trasferimento di Bertoncini e di Churko che, attualmente, sono in esubero e, comunque, tali resteranno anche se dovessero restare al Frosinone Calcio. Per quanto riguarda il giovane esterno di centrocampo, c’è più tempo per cercarne una sistemazione in Ucraina, dove i trasferimento sono possibili fino al 28 febbraio. Ma è chiaro che la presenza nella sede di mercato di Giannitti si è resa necessaria anche per trovare un altro difensore che possa rimpiazzare lo sfortunato Brighenti.

Ma non è detto che debba trattarsi necessariamente di un centrale del pacchetto arretrato. La presenza nella rosa di Matteo Ciofani dà la possibilità a Pasquale Marino di utilizzare nel ruolo di Brighenti il più giovane dei Ciofani, anche alla luce dell’ottima prestazione fornita contro il Brescia. Comunque un posto nella lista dei venti c’è ancora, se la società deciderà di aggiornare di settimana in settimana (il regolamento lo permette) la lista dei portieri, con uno tra Bardi e Zappino destinato alla tribuna. E a proposito di quest’ultimo, entriamo nel clima del derby che si disputerà allo stadio Francioni del capoluogo pontino sabato prossimo. Perchè sarà proprio l’esperto estremo difensore a dover difendere la porta canarina dopo il turno di squalifica in arrivo per Bardi, che non permetterà all’ex Inter di essere in campo dopo le prodigiose parate, effettuate nella gara vinta con il Brescia.

Zappino ha già ricevuto il primo forte incitamento proprio dopo la conclusione della sofferta vittoria con le “rondinelle” da parte dei tifosi della curva nord, altri ne avrà in questi giorni che precedono la disputa della sfida ciociara-pontina. Per la quale Pasquale Marino, se perde il forte estremo difensore, ritrova pezzi importanti della rosa dei titolari. E alludiamo soprattutto a Federico Dionisi che, la squalifica ha tenuto fuori dal rettangolo di gioco venerdì sera e Maiello, oltre al fatto che il tecnico potrà contare su altri giocatori che arriveranno al derby in una condizione fisica migliore di venerdì scorso. Alludiamo a Mirko Gori che, reduce da un infortunio al quadricipite della gamba sinistra, ha giocato soltanto la seconda parte della ripresa della gara con il Brescia, e ai nuovi Fiamozzi, Krajnc e Mokulu, che potranno allenarsi fino a sabato pomeriggio e, quindi, essere in campo, se Marino darà loro una maglia, in condizioni fisiche sicuramente più rassicuranti.

Intanto i canarini riprenderanno gli allenamenti oggi pomeriggio in un clima sicuramente diverso da quello dei giorni scorsi. La vittoria, ancorchè sofferta, ha cancellato le amarezze provocate dalle due consecutive sconfitte di Vercelli e di Chiavari, restituendo a tutto l’ambiente quella serenità necessaria per preparare al meglio un impegno importante quale è sempre stato il derby col Latina.