Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Festival di Venezia: tutti i vincitori della 73esima edizione
0

Festival di Venezia: tutti i vincitori della 73esima edizione

Venezia

Si è chiusa l’altro ieri la 73esima edizione del Festival di Venezia con la cerimonia di premiazione, che è stata presentata da Sonia Bergamasco, madrina del festival, cerimonia  svoltasi presso la Sala Grande del Palazzo del Cinema.  Ad aggiudicarsi l’ambito Leone d’Oro, il regista filippino Lav Diaz con “The Woman Who Left” (in bianco e nero e della durata considerevole di quasi quattro ore ), dove viene narrata l’odissea umana di una donna che ha passato trent’anni in prigione per un crimine non commesso, e quindi  il suo ritorno ad una vita impossibile da ricostruire, come facilmente immaginabile. Ricordiamo che la giuria era presieduta dal regista Sam Mendes (Premio Oscar per “American Beauty”) .

Tutti i premiati:

Leone d’Oro per il miglior film: “The Woman Who Left” di Lav Diaz

Gran premio della giuria: “Nocturnal Animals” di Tom Ford

Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile: Emma Stone per “La La Land” di Damien Chazelle

Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile: Oscar Martínez per “El Ciudadano Ilustre” di Mariano Cohn e Gastón Duprat

Miglior sceneggiatura: Noah Oppenheim per “Jackie” di Pablo Larrain

Premio speciale della giuria: “The Bad Batch” di Ama Lily Amirpour

Premio Marcello Mastroianni: Paul Beer, attrice di “Frantz” di Francois Ozon

Premio Leone del futuro per la miglior opera prima: “The Last of Us” di Ala Eddine Slim

Miglior film della sezione Orizzonti: “Liberami” di Federica Di Giacomo

Leone d’Argento per la miglior regia: Amat Escalante per “La region salvaje” e Andrei Konchalovsky per “Paradise”

Curiosità:

-Il Festival di Venezia è il più antico del mondo: la prima edizione si tenne nel 1932.

-Il regista filippino Diaz non è nuovo a film dalla notevole durata: Diaz infatti è conosciuto per la lunghezza dei suoi film (che possono sfiorare le dodici ore), e per i suoi interminabili piani-sequenza che ne contraddistinguono lo stile visivo e narrativo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400