Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Continua l'opera di restyling
del centro storico voluta dal Comune

La zona della stazione priva di marciapiedi

0

Continua l'opera di restyling
del centro storico voluta dal Comune

Continua l’opera di restyling del centro storico voluta dall’Amministrazione Caligiore, quasi a voler risarcire i residenti per un lungo periodo di abbandono.


L’ultimo intervento di recupero in ordine di tempo è stato quello di via Bella Torre, che ha visto la suggestiva stradina del centro storico tornare finalmente praticabile. «E’ doveroso per chi rappresenta il Comune rispondere alle istanze dei cittadini - dice il sindaco Roberto Caligiore - tanto più quando sono motivate e legittime come le richieste di intervento ricevute per via Bella Torre».
La pensa così anche il Consigliere Aversa che ha ritenuto «procedere immediatamente, come fatto anche in altre zone, per ragioni non solo di decoro urbano, ma soprattutto di rispetto della vivibilità delle persone e della stessa salubrità delle aree, elementi a cui va fatta attenzione specialmente con questo caldo».
L’attenzione che l’amministrazione sta rivolgendo al centro storico non deve far dimenticare, però, le situazioni di disagio che vivono ormai da tempo immemore i cittadini residenti lungo via per Frosinone, una delle strade di ingresso alla città. Dal sottopasso di fronte alla Chiesa di San Pietro, divenuto un ricettacolo di immondizia e di fatto impraticabile per i pedoni, alla mancanza di segnaletica orizzontale che mette gli stessi in pericolo ogni volta devono raggiungere la chiesa dopo aver parcheggiato nel piazzale a ridosso di una curva.
Molti residenti segnalano la presenza di erbacce sui marciapiedi e soprattutto la pericolosità del tratto di strada che va dall’ingresso del villaggio Unrra di via per Frosinone alla stazione ferroviaria, dove l’assenza di marciapiedi e la sosta selvaggia delle auto su entrambi i lati, nonostante l’ampio parcheggio dell’ecostazione, rende pericoloso spostarsi a piedi, con i pedoni costretti a camminare sulla carreggiata.
L’assessore Ruspandini ha assicurato, partendo dal presupposto che la nuova amministrazione non può fare in un mese quello che non è stato fatto per anni e nonostante la carenza di operai e i molti interventi da fare un po’ ovunque, che già si sta muovendo per mettere in sicurezza la zona, interloquendo anche con le Ferrovie dello Stato. Dunque la volontà politica c’è: i cittadini di via per Frosinone e zona Stazione attendono fiduciosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400