La frana di San Cosma e Damiano a Pontecorvo non si arresta. La terra continua a muoversi e, soprattutto, a spaventare. Sono stati  i cittadini a rivolgersi al Comune per segnalare le crepe che di volta in volta si registrano sul manto stradale.  L'allarme resta alto. Anzi ormai è psicosi generale: troppe le frane in meno di tre anni che hanno devastato il territorio pontecorvese. 

Ieri nel palazzo municipale si è svolto un vertice con i tecnici dell'amministrazione provinciale - responsabili di quel tratto stradale -  che hanno esaminato, nel dettaglio, la situazione per predisporre un progetto utile a individuare una soluzione. 

Intanto è continua la presenza di curiosi che, data la grandezza della nuova voragine, si recano sul posto. Un dato questo che preoccupa, e non poco, il sindaco Rotondo che ha avvisato a più riprese la cittadinanza affinché si tenga ben lontana da un posto così pericoloso.