Maxi sequestro di pesce a Cassino e nel Cassinate. La Guardia costiera di Gaeta arriva fin nel Basso Lazio e risale l'intera filiera della pesca per assicurare freschezza e qualità ai consumatori.

L'operazione di vigilanza denominata "Tallone d'Achille", organizzata su tutto il territorio nazionale dal Comando generale delle Capitanerie di porto, ha avuto come obiettivo primario quello di proteggere la risorsa ittica ma al tempo stesso controllare che il consumatore finale non abbia "brutte sorprese". Almeno una cinquantina le attività controllate a Cassino e nel suo hinterland tra ristoranti e rivendite. Almeno una decina i punti sanzionati, diversi i chili di prodotto ittico sequestrati. Multe da capogiro.