Probabilmente era in ritardo, così un 35enne, M.I., perito informatico, ha attraversato di corsa i binari. Un gesto fatale, che gli è costato la vita.  Era le 9.15 di questa mattina nella stazione di Colle Mattia. In transito c'era il treno 7540 della linea FL6 proveniente da Roma Termini e diretto a Cassino. L'uomo è sbucato all'improvviso sui binari e, nonostante la disperata frenata del macchinista, è stato travolto dal convoglio che viaggiava a tutta velocità.  Il giovane è rimasto incastrato sotto al treno mentre tutt'intorno giacevano fogli, agenda, telefono e computer, fuoriusciti dalla sua valigetta.

Gli agenti della polizia ferroviaria di Colleferro e i vigili del fuoco di Frascati - intervenuti insieme ai carabinieri e al 118 - sono propensi ad escludere l'ipotesi del suicidio. Al contrario, sembra che la versione più plausibile sia quella che vede il ragazzo, che aveva appena lasciato la sua auto nel parcheggio della stazione, tentare l'attraversamento di corsa, incalzato da un forte ritardo, per riuscire a prendere il treno per Roma.

Inutile anche l'arrivo di una eliambulanza partita dal San Camillo: l'uomo è morto sul colpo falciato dalle ruote del treno.

Sospeso il traffico ferroviario tra le stazioni di Ciampino e Zagarolo. Disagi, pertanto, su tutta la tratta Roma-Cassino mentre sono sotto choc i pendolari che si trovavano sul convoglio, fra cui anche tanti ciociari.  Al momento è in funzione autoservizio sostitutivo.