“Vengo a Cassino se resta qualcosa dell’otto per mille…”

Un’atra battuta velenosa del comico Gene Gnocchi sulla vicenda dell’ex abate Pietro Vittorelli. Dopo l’aforisma apparso sul Rompipallone della Gazzetta dello Sport dove scriveva che Berlusconi aveva individuato proprio nell’ex abate il futuro acquirente per il Milan, il comico emiliano fa il bis. 

Stavolta lo ha fatto dall’ex Real Collegio di Lucca, dove oggi pomeriggio ha presentato il suo ultimo libro “Cosa fare a Faenza quando sei morto”. Un intervento non preparato ma sollecitato da un lettore che chiedeva una opinione sulla “rinascita” dell'ex presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo a Montecassino. 

A quel punto ha chiesto la parola un cassinate: Fabio Leone (presidente dell’associazione Peppino Impastato di Cassino) che ha invitato Gene Gnocchi nella città martire. “Se resta qualcosa dell’otto per mille…”, ha risposto il comico di Fidenza tra l’ilarità generale.

(Approfondimenti nel servizio dell'edizione del 15 novembre)