Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Il servizio mensa è operativo in tutte e tre i circoli della città martire
0

La mensa riparte
Ma non per tutti i bimbi

Cassino

La mensa riparte. Ma non per tutti.
A restare “a digiuno”, lunedì mattina, sono stati circa 500 bambini tra la materna e le elementari di tutti e tre i circoli comprensivi.


Il servizio è partito in differita rispetto alla riapertura dell’anno scolastico: la data di inizio della ristorazione era fissata per il 5 ottobre ma su 1200 richiedenti solo 700 sono stati i piccoli alunni inseriti negli elenchi.
Per gli altri, c’è stato il rientro anticipato a casa tra le vibranti proteste dei genitori. La colpa... è tutta dell’Isee.
Sull’avviso pubblico del Comune di Cassino campeggiava la data del 18 settembre quale termine ultimo per presentare le domande: diversi gli avvisi da parte dell’ente per invitare a una iscrizione celere motivata dall’introduzione del nuovo indicatore della situazione economica. E proprio qui si è annidato il problema.

I fatti Lunedì su 1.200 alunni circa 500 sono rimasti senza pasti
Tutta colpa del nuovo Isee e dei lunghi tempi di consegna.


Molte famiglie non avevano il nuovo modello che, tra l’altro, prevede tempi di consegna particolarmente lunghi. Impossibile dunque completare la domanda. Così in centinaia sono rimasti nel “limbo”. E anche se gli uffici hanno continuato a incamerare richieste, andando oltre il termine stabilito, per circa 500 nuclei familiari non è bastato.
Per questo non sono finiti nel famoso elenco consegnato alle scuole contenente i nominativi dei bambini che potevano usufruire della mensa.


Ora si lavora a tappe forzare per tentare di risolvere. E così il numero si assottiglia sempre di più. Entro questa mattina, infatti, il disagio potrebbe arrivare a riguardare “solo” un centinaio di bimbi. Lo precisa l’assessore Danilo Grossi: «Giorno dopo giorno stiamo inserendo altri nominativi».
Tante le novità di quest’anno per un servizio che in passato prevedeva l’iscrizione nel corso di tutto l’anno scolastico.
Innanzitutto il trasferimento sulla piattaforma on line di ogni passaggio: dall’elenco degli studenti al pagamento.


Un meccanismo più trasparente ma anche più comodo per le famiglie che vengono dotate di schede ricaricabili in più punti. «Abbiamo previsto -spiega ancora Grossi -la possibilità di pagare senza fare le file al Comune negli orari indicati. In centro come in periferia. Addirittura anche nei bar.
Ma c’è anche il pagamento on line».


Per ogni utente è possibile l’accesso su un portale dove inserendo le proprie credenziali si avrà la possibilità di effettuare, seguendo le indicazione fornite dal sistema medesimo, un pagamento on-line, a fronte del quale, in automatico e contemporaneamente, verrà aggiornato il credito di spesa disponibile, senza la necessità di recarsi agli sportelli comunali.
Ma c’èdi più.«Quando mancanotre pasti un sms avviserà i genitori», conclude Grossi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400