Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Resta incinta dopo l'operazione, processo alla Asl

La signora Angela, Floriano e l’avvocato Andrea Biondi

0

Resta incinta dopo l'operazione per farsi chiudere le tube, processo alla Asl

Cassino

Il bambino è nato. Ma i soldi non arrivano. E la questione si è fatta insostenibile per la famiglia cassinate che dopo l’intervento al Santa Scolastica per la chiusura delle tube si trova ad affrontare una situazione a dir poco difficile. Alla base della scelta dei coniugi della città martire con altri tre bambini i tanti, troppi problemi economici.

Nonostante la dolorosa scelta la donna, classe 1980, rimane “miracolosamente” incinta: nessuna risposta da parte della Asl dopo la richiesta inoltrata per un sostegno al nascituro - che ora ha poco più di tre mesi - tanto che la famiglia decide di rivolgersi ad un legale, l’avvocato Biondi.

Il problema

«È un silenzio inaccettabile, quello delle istituzioni. Ma come avevamo già ribadito noi non ci arrendiamo». Le parole affidate all’avvocato Biondi sono ancora una volta quelle di Angela e Floriano che ora si trovano con una nuova e immensa gioia tra le braccia. A cui, però, non sanno come fare a dare da mangiare.

Da un punto di vista legato alla quantificazione del danno, non erano stati considerati nelle richieste i danni morali poichè - per fortuna - stiamo pur sempre parlando di una nascita. «Ma alle spese per il danno patrimoniale arrecato vanno ad aggiungersi di certo anche quelle sostenute fin’ora per le cure necessarie: visite e medicinali compresi» aveva spiegato l’avvocato inoltrando la richiesta di un sostegno pari a 600 euro al mese fino al compimento dei 18 anni di età del piccolo.

Quindi l’apertura di lunghe e complesse trattative, fino al tentativo di mediazione non andato a buon fine dopo l’opposizione avanzata dal legale su questioni fondamentali e tecniche. Ora la Asl si è costituita. E il passo successivo non potrà che essere l’apertura di un processo.

«Facendo un rapido calcolo il processo non potrà iniziare prima di un anno tra l’atto di citazione e la richiesta di gratuito patrocinio. E nel frattempo la famiglia che farà? Noi, comunque, lo ribadisco andremo avanti fino in fondo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400