Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Elezioni comunali
0

Bufera elezioni. Le schede sotto la lente. Tutti con il fiato sospeso

Cassino

«Non sono mai stato ascoltato dai carabinieri, ne tantomeno convocato e interrogato dalla Procura. Tutto quello che sta accadendo lo apprendo dalle cronache dei giornali». Il presidente del seggio che scotta, quello numero 30 in località Sant’Angelo, ribadisce ancora una volta che finora - sebbene il giorno in cui la Procura ha annunciato che «gli accertamenti fino a questo momento effettuati hanno fatto emergere la presenza di schede elettorali contraffatte in favore di un candidato consigliere» sia trapelata la notizia che la sezione incriminata era quella da lui presieduta - non è stato nè interrogato, nè convocato.

Nella giornata di domani, invece, a recarsi in procura quale persona informata sui fatti, sarà l’ex assessore Igor Fonte che ha presieduto anche la commissione che ha nominato gli scrutatori. Da ulteriori indiscrezioni sembrerebbe che le due persone iscritte nel registro degli indagati sarebbero proprio due scrutatori e il candidato che avrebbe ricevuto i “voti fantasma” apparterrebbe ad una coalizione non vincente e, trattandosi del primo turno, andrebbe quindi a levare ogni sospetto da D’Alessandro e Petrarcone.

Ma al momento si tratta solo di rumors perchè ufficialmente, dalla Procura, non trapela nessun altra novità. L’unica cosa certa è che i carabinieri hanno acquisito le schede in prefettura e tutti i verbali per vedere se eventuali brogli sarebbero stati fatti anche in altre sezioni. E mentre gli inquirenti vanno avanti nelle indagini,il mondo politico trema.

Nessuno dei candidati a sindaco che ha partecipato alla competizione del 5 giugno può dirsi certo del fatto che il consigliere possa appartenere o meno al proprio schieramento e quindi anche sui social nessuno commenta quello che sta avvenendo. Sebbene gli ultras dei principali schieramenti ironizzano, tra i big nessuno va all’attacco.

Si attende con ansia che la procura chiuda le indagini, dopodiché - c’è da scommetterci - il clima diventerà ancora più velenoso. Ma destra, sinistra, pentastellati e civici ora preferiscono tacere per evitare che ogni parola possa trasformarsi in un boomerang.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400