Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Quarantenne romano muore durante un pranzo con gli amici

Ambulanza del 118

0

La comunità è sotto choc per la morte di Mirco

Pontecorvo

Un amore incondizionato per mamma e papà. Mirco Iavarone era un ragazzo modello, studioso ai tempi della scuola, diligente e scrupoloso ora nella ricerca del lavoro. Colloqui in agenda, pranzo e cena in famiglia e una smisurata passione per i balli di gruppo.

Un ragazzo modello che molti ricordano a Pontecorvo, strappato alla vita a soli 22 anni proprio mentre era insieme al papà e alla mamma. La tragedia è accaduta ieri sera. Tutti e tre, sempre uniti, avevano preso parte all'Open Day organizzato da Fiat Chrysler Automobiles nello stabilimento di Piedimonte San Germano. Insieme avevano ammirato le meraviglie di casa Alfa Romeo, quelle nuove auto che il papà contribuiva a costruire all'interno della fabbrica cassinate. Poi, come facevano quasi tutti i sabati sera, il loro "viaggio" è proseguito in un ristorante di Cassino, il "Riverside" di Sant’Angelo in Theodice.

Una pizza in compagnia e, subito dopo, l'amata pista da ballo dove si trovava, anche stavolta, insieme ai suoi genitori. Ma a metà serata, quei sorrisi, quell'allegria mista a spensieratezza hanno ceduto il passo alle grida, al terrore fino alla tragedia. Mirco  si è accasciato, in mezzo alla gente, in preda a un dolore. Ha chiuso gli occhi, sembrava svenuto. Il papà ha tentato di rianimarlo. Nel locale è scattata subito la chiamata al 118, l'ambulanza è arrivata immediatamente ma agli operatori è spettato il triste compito di constatare il decesso. Mirco non ce l'ha fatta. Strappato alla vita, forse, da un arresto cardiaco anche se a chiarirlo potrà essere solo l'autopsia o l'esame esterno. Il magistrato sta ancora decidendo.

Intanto, a Pontecorvo, la notizia è arrivata velocemente. E il risveglio, stamattina, è stato per molti traumatico. Chi lo conosceva non si dà pace, chi non lo conosceva è sconvolto da un simile episodio. A parlare a nome della città è il sindaco Anselmo Rotondo  che si è subito messo in contatto con la famiglia e che esprime profondo cordoglio a nome della città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400