Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Strisce blu “ipertecnologiche”. «Ma torneremo a gestirle noi»
0

Strisce blu “ipertecnologiche”. «Ma torneremo a gestirle noi»

Cassino

Non un tocco di tecnologia ma le strisce blu di Cassino diventeranno davvero 2.0. Il progetto che sarà presentato a breve fa già invidia a grandi e piccoli comuni. Ma soprattutto sarà a vantaggio degli automobilisti, con un risparmio per le loro tasche. Eppure il sindaco, che pur brinda alla rivoluzione della sosta a pagamento ideata da assessore e società, avverte: il servizio tornerà comunale.

La rivoluzione

Tra le principali novità, che saranno presentate a breve, c’è la possibilità di gestire la sosta a pagamento con il proprio smartphone. Scompaiono, per chi vuole, gli odiati biglietti. Una volta trovato parcheggio, basterà inserire il tempo di permanenza e partirà il pagamento automaticamente. «E se si dovesse tornare prima alla propria vettura - ha detto un giorno fa l’assessore Carmelo Palombo - automaticamente l’orario si aggiorna e viene scalato solo il tempo effettivo». Dunque, già si sente odore di risparmio.

Ma la cosa che più piace è l’aggiornamento in tempo reale del biglietto: addio corse alla macchina a sostituire il tagliandino scaduto, basterà un click sul telefonino e si potrà aggiornare la sosta. Vantaggi anche per gli ausiliari che potranno vedere - tramite apposito dispositivo - dalla targa dell’auto chi ha pagato e chi no. E la multa scatterà automaticamente, evitando quelle “dolorose” e sfiancanti contestazioni verbali che tenevano a lungo impegnati operatori e cittadini.

Ci sarà anche l’adeguamento alla legge, con parchimetri dotati di pos per poter pagare direttamente con la carta di credito. Ma questa è una di quelle novità che rischia di passare in secondo piano alla luce delle grosse innovazioni anticipate da Palombo.

Gestione del servizio

Eppure Carlo Maria D’Alessandro non torna indietro rispetto a quanto annunciato in campagna elettorale. «Cercheremo di rientrare in gestione diretta dei parchimetri. Abbiamo il contratto in essere ancora un anno e facciamo di tutto, insieme alla società, per agevolare i cittadini. Di qui le grosse novità che riguarderanno le strisce blu. Ma stiamo anche valutando, già entro l’anno prossimo, di essere pronti - se i tempi tecnici e le casse lo consentiranno - di creare una in house per la gestione diretta. Vedremo in base al bilancio se si riuscirà a partire sin dalla fine del contratto, altrimenti andremo in prorogatio per un periodo».

L’obiettivo è quello di riportare ordine in città. «Lo stiamo già facendo con i vigili urbani che sono in giro molto più di prima. Stiamo cercando di dare ordine a una città che era disordinata e daremo ordine a una amministrazione che era disordinata. Ma ci vorrà il tempo che serve visto che siamo stati cinque anni fermi». Intanto i propositi ci sono tutti: «L’idea è quella di internalizzare più servizi possibili, non solo quello delle strisce blu». Ed ecco che anche l’accertamento, riscossione, verifica e controlli dei tributi finisce sotto l’occhio dell’amministrazione.

«Ci sono più società che se ne occupano (qualcuna ha vinto un bando di gara meno di un anno prima della scadenza elettorale) speriamo di riuscire a invertire questa tendenza. Voglio riportare negli uffici del Comune - ha ripetuto Carlo Maria D’Alessandro - riscossione e accertamento, ma dovrà essere fatto a condizione che non sia creato il solito carrozzone che fa parte di una politica del passato, perciò ho parlato di in house e non di multiservizi. Dovranno essere realtà che non solo non costano al Comune ma siano capaci anche di aiutarne le casse».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400