Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









I migranti occupano l’ex Onmi. Residenti esasperati per la convivenza con gli stranieri
0

I migranti occupano l’ex Onmi. Residenti esasperati per la convivenza con gli stranieri

Cassino

Neanche il Ferragosto frena l’allarme profughi. Dopo che - pochi giorni prima del 15 agosto - si temeva che da Pastena potessero rientrare i migranti che a inizio mese hanno occupato l’ex sede della polizia stradale a via Arigni, ieri a lanciare l’allarme sono stati i residenti di via XX settembre.

In mattinata nella dismessa sede dell’ex Onmi - in vendita già con l’amministrazione Petrarcone anche se la prima asta è andata deserta - sono stati segnalati alcuni extracomunitari che hanno occupato la sede utilizzandola come ricovero. L’allarme in poche ore ha raggiunto il palazzo comunale e il sindaco D’Alessandro non si è fatto frenare dalla settimana festiva ne tantomeno ha delegato i suoi assessori.

In prima persona ha voluto recarsi sul posto per verificare effettivamente cosa stesse accadendo. Accompagnato dall’assessore ai servizi sociali Benedetto Leone e dalla polizia locale, il primo cittadino ha potuto constatare che, in effetti, lo stabile era stato “abitato”, quindi immediatamente - per non mettere a rischio l’incolumità di nessuno visto che la struttura non solo non è affatto agibile ma è assolutamente carente delle minime condizioni igienico-sanitarie - ha provveduto a chiudere il sito con una catena sia al portone che al cancello esterno.

L’ira e le rassicurazioni

Tuttavia per placare l’ira funesta dei residenti della zona e di molti cittadini che sui social hanno riversato tutto il loro disappunto per l’accaduto e per la vicenda dei profughi, ha rassicurato tutti. L’assessore Leone ha puntualizzato: «Tranquillizziamo tutti i cittadini. Nell’ex Omni non c'è nessuna occupazione in corso. Abbiamo verificato di persona le indiscrezioni uscite da organi di stampa su una occupazione di immigrati. Evitiamo dunque di fare allarmismi: l'amministrazione D'Alessandro è presente. Restiamo umani però - conclude - su un tema delicato come è quello dell'accoglienza. Vi prego!».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400