Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Nottata di fuoco sulle montagna
In fiamme mille ettari di vegetazione

Due le montagne distrutte dagli incendi nel Cassinate

0

Nottata di fuoco sulle montagna
In fiamme mille ettari di vegetazione

Cassino

Oltre 1000 ettari di vegetazione in cenere, due montagne cancellate.

Questo il tragico bollettino di un sabato sera di fuoco, il Cassinate continua a bruciare per mano di qualche delinquente.
La sequenza di incendi non lascia più nessun dubbio: c’è chi si diverte ad andare in giro ad appiccare fuochi.
Oltre 16 ore di interventi per domare le fiamme e mettere in sicurezza le diverse zone, i soccorritori sono stati al lavoro fino alla tarda mattinata di ieri.
Nella tarda serata due incendi hanno colpito Castrocielo e Piedimonte San Germano.
Due distinti roghi, a pochi chilometri di distanza l’uno dall’altro, nel giro di una ventina di minuti.
Sui diversi fronti sono intervenuti i vigili del fuoco, il Corpo forestale dello Stato, i carabinieri e i volontari dell’associazione carabinieri in congedo di Castrocielo, della protezione civile Anvvfc di Piedimonte e dei Vds di Cassino. Sul posto anche i carabinieri
Erano da poco passate le 22 quando è partito il primo a Piedimonte alta, nella frazione Frezze: il territorio montano a confine con Colle San Magno.
Dalle prime ricostruzione dei presenti l’incendio si sarebbe alimentato in tre punti diversi, a distanza di 200 metri l’uno dall’altro.
Immediata la corsa dei vigili del fuoco, del Corpo forestale dello Stato e delle protezioni civili che sono stati impegnati tutta la notta per scongiurare il peggio.
Lontano dalle case, ma vicini alle molte stalle presenti in montagna.
I volontari della protezione civile hanno presidiato le diverse stalle e rimesse dove erano presenti cavalli, mucche, vitelli e mezzi agricoli.
L’altro incendio ha interessato Castrocielo, precisamente via Cavallara, la strada che porta a Piedimonte.
La montagna ha bruciato per tutta la notte di sabato fino alla tarda mattinata di ieri.
Sul posto anche gli elicotteri della protezione civile. Anche qui sembrerebbero almeno due gli inneschi.
Le fiamme hanno tenuto con il fiato sospeso i soccorritori e i residenti che si sono riversati in strada per controllare l’andamento dei roghi. Per tutta la notte, fino al primo pomeriggio di ieri i volontari della protezioni civili presenti sono rimasti in pattugliamento perché le fiamme hanno ripreso forza dopo pranzo e si è reso necessario nuovamente l’intervento degli elicotteri fino alle 20.30.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400