Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Isola pedonale bocciata dai negozianti
«Giù le mani dal centro cittadino»

Il centro di Cassino

0

Isola pedonale bocciata dai negozianti
«Giù le mani dal centro cittadino»

Cassino

«Giù le mani dal centro cittadino».

A salire sulle barricate dopo aver preso atto che la maggioranza di centrosinistra che governa la città ha trovato l’unanimità attorno alla proposta di realizzare il nuovo piano urbano del traffico che contiene al suo interno l’isola pedonale permanente sono i commercianti del centro. Gli esercenti ritengono che l’isola sarebbe un colpo mortale per il commercio, che già ha pagato e sta pagando il prezzo della crisi con tante attività che sono state costrette ad abbassare le saracinesche e ad alzare bandiera bianca.
«L’amministrazione, più che di realizzare l’isola, si preoccupi di altre carenze: basta con i ricatti al sindaco» va all’attacco Coletta. Argomenta il presidente del centro commerciale naturale San Benedetto facendosi portavoce delle istanze dei tanti colleghi: «Piuttosto pensiamo a trasferire il mercato totale in centro così come chiedono gli ambulanti, creiamo mercati rionali e inseriamo una seconda data oltre il sabato. C’è il problema dello smog? Bene, allora va chiusa anche via Montecassino e altre arterie molto frequentate non solo i 150 metri del centro città. La famosa “piazza salotto” non c’è mai stata e il progetto è molto costoso: alla fine ci sarà solo la chiusura del centro e a rimetterci saremo ancora noi» continua Coletta, che quindi mette in guardia: «Una città senza negozi è una città morta, e così si sta facendo di tutto per farla morire. Piuttosto è necessario realizzare la funivia e far decollare le terme oltre che fare un assessorato che si occupi solo di turismo. In caso contrario saremo pronti a bloccare le tante iniziative in campo a partire dalla notte bianca della cultura, fino alle luminarie di Natale». Sulla stessa lunghezza d’onda il commento degli altri esercenti: «Questa amministrazione non ci ha soddisfatto come le altre, siamo sempre stati messi da parte» attaccano a testa bassa gli esercenti Sergio Dell’Ascenza, Sergio Michelucci, Morsilli, Volante, Gallozzi Silvia, Marcella Ferrara, Merolli, Claudio Dell’Ascenza, Pistore, Fella, Colafrancesco, Gianpaolo Verrecchia, Gioacchino Prisco, Monuames Ammed, Cerrone e Leone.
A gettare acqua sul fuoco è l’assessore al ramo Riccardo Consales che al termine della riunione di maggioranza sul Put ha spiegato: «Prima dell’approvazione definitiva della commissione e del Consiglio, sul Put ci sarà un incontro con la cittadinanza e un confronto ad hoc con i commercianti. Non intendiamo assolutamente far morire il commercio, prevediamo anzi una sosta per i pullman diretti a Montecassino in città, cosa oggi non prevista, in modo che i turisti possano camminare lungo il Corso e in piazza Labriola e far girare l’economia spendendo nei negozi del centro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400