Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Il Consiglio degli studenti torna a votare le attività  e mette a nudo Ultimo Banco

Il Consiglio degli studenti dell'università di Cassino

0

Il Consiglio degli studenti torna a votare le attività e mette a nudo Ultimo Banco

Cassino

Rivotate le attività autogestite degli studenti. Dopo le voci di corridoio che vedevano uno “schiaffo” del Consiglio degli Studenti al Magnifico Rettore Betta per la divisione dei fondi, il Presidente Valerio Cirillo spiega tutta la verità.

“Anche nella seduta di oggi, spicca l’assenza dei consiglieri dell’associazione Ultimo Banco, che da ormai 6 mesi, disertano in gran parte il Consiglio degli Studenti per poi essere presenti puntualmente sulla stampa all’indomani di ogni seduta.
A differenza di ciò che è stato affermato, il Consiglio è stato riconvocato per un errore di valutazione e non per un’equa distribuzione dei fondi autogestiti. Il Consiglio ha sempre operato con diligenza e anche questa volta ha adempiuto alle richieste del Direttore Generale di rivotare la ripartizione dei fondi autogestiti assegnando un punteggio singolo per ognuno dei quattro criteri generali deliberati dal CdA.


Come già è noto, le attività presentate dall’associazione Ultimo Banco presentavano tutte gravi vizi di forma, quali mancata designazione del delegato responsabile di ogni singola attività, assenza di descrizione delle attività, mancata indicazione dell’Iva sull’importo, risultando praticamente nulle. Nonostante ciò sono state prese comunque in considerazione da tutto il Consiglio che ha valutato e preso le giuste decisioni sul caso dopo aver messo al corrente di tali errori anche l’ufficio Affari Generali ed il Rettore stesso proprio per evitare che l’associazione di Papa rimanesse senza fondi a disposizione per l’espletamento delle attività”.


“Ciò che ci lascia perplessi – aggiunge il Segretario Achille Migliorelli – è il fatto che Papa, nonostante la lunga militanza nella rappresentanza studentesca, non abbia saputo presentare la richiesta di finanziamento delle attività autogestite nella giusta forma. Forse che abbia pensato di presentarle in modo incompleto proprio per farle bocciare per poi basare l’imminente campagna elettorale su questo?”.

Giriamo la domanda al presidente Papa, e siamo lieti che, dopo varie "dimenticanze", il Consiglio degli Studenti abbia ritrovato i contatti di questa testata. Sarebbe stato interessante conoscere - e soprattutto far conoscere agli studenti - i progetti approvati. Ma come diceva quel tipo, "chi si accontenta gode". E noi godiamo, nel fare da pungolo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400