Una nuova ondata di polemiche ha investito la città martire. Tema caldo, anzi caldissimo, degli ultimi giorni è proprio quello delle molestie (o presunte tali) da parte di giovani immigrati a studentesse del Cassinate. Dopo gli ultimi episodi registrati nel week-end - con l'intervento anche di un gruppo di italiani per difendere le donzelle - in città si è diffuso un nuovo clima di polemica sui comportamenti degli stranieri. "Non è una questione di razzismo - hanno precisato alcuni genitori - ma non è possibile avere paura che in un territorio relativamente tranquillo come quello in cui viviamo le nostre figlie non possano più uscire da sole a causa delle molestie degli extracomunitari che non rispettano né noi né la nostra città. Vogliamo maggiore sicurezza". 

L’ennesimo episodio si sarebbe registrato nella serata tra sabato e domenica, quando un gruppo di ragazze dopo aver passato la serata a cena in un locale si sono incamminate verso il centro. Sarebbero state avvicinate da un gruppetto di immigrati in bicicletta su via Di Biasio:i giovani avrebbero dedicato loro apprezzamenti davvero poco delicati. Frasi volgari e gesti che lasciavano ben poco all’immaginazione. Il gruppetto di ragazze ha accelerato il passo per raggiungere quanto prima il centro. Per tutto il tragitto i "ciclisti molesti" non le hanno lasciate in pace. Quando hanno visto però che avvicinandosi a piazza Labriola sulla strada apparivano altri ragazzi anche loro hanno pensato di allontanarsi per evitare discussioni. Non l'unico episodio, dal momento che a poca distanza anche in piazza Cavalieri di Vittorio Veneto altre ragazze del Cassinate erano state avvicinate da stranieri in cerca di attenzioni "particolari".