Non rispondeva al telefono ed è scattato l’allarme: un uomo è stato trovato a terra senza coscienza nel suo appartamento.

È successo nella serata di ieri a Cassino, a salvare la vita dell’uomo la telefonata della figlia che preoccupata per l’anziano padre ha chiamato il 113.

L’uomo, di 87 anni, infatti vive da solo e il fatto che non rispondesse alle telefonate ha fatto intuire alla figlia che gli fosse capitato qualcosa.

Immediato l’intervento di una pattuglia delle volanti del commissariato di Cassino che si sono recate all’indirizzo dell’uomo, ma dall’interno dell’abitazione nessuna risposta alle reiterate chiamate degli agenti. È servito l’intervento dei Vigili del Fuoco che hanno forzano il portone d’ingresso consentendo ai poliziotti di entrare.

Una volta all’interno dell’appartamento gli operatori hanno ritrovato l’ottantaseienne riverso a terra e privo di sensi. Sul posto anche il personale del 118 che hanno effettuato le prime cure e poi trasportato l’uomo nell’ospedale di Cassino.

Le ferite riportate dall'anziano fanno pensare a un’aggressione ma i sanitari accertano che si tratta di un malore. Sul posto intervengono anche il personale della squadra mobile e della polizia scientifica per gli accertamenti del caso.

Nel frattempo le gravi condizioni dell’uomo richiedono la necessità del suo trasferimento in un ospedale specializzato di Roma dove i sanitari accertano che le ecchimosi presenti sul corpo sono state causate da un malore che lo ha colpito e dalla successiva caduta a terra per la perdita di coscienza.